Aragoste "estratte" da insetti e ''gamberi d'alghe": ecco la nuova frontiera del food

La sfida di Natalie Rubio, ricercatrice del dipartimento di Biologia della Tufts University, che sta lavorando sulle potenzialità di falene e lepidotteri nell'alimentazione del futuro

Sviluppare dalle cellule staminali dalla sfinge del tabacco, un lepidottero diffuso in Nord America, un tessuto che un giorno potrebbe essere trasformato in qualcosa che potrebbe assomigliare all'aragosta. E' la sfida di Natalie Rubio, ricercatrice del dipartimento di Biologia della Tufts University, che sta lavorando sulle potenzialità di alcuni insetti, ad esempio le falene, nell'alimentazione del futuro.

A raccontare la sua ricerca è l'agenzia Adkronos, che spiega come i suoi studi vertano in particolate sulla progettazione di sistemi per supportare la cultura in 3D dei tessuti degli insetti. "La sfinge del tabacco è muscolosa e grassa - ha spiegato la ricercatrice in un'intervista - e queste caratteristiche ci aiuteranno nel nostro scopo". Molte aziende e start-up stanno lavorando alla produzione di carne 'sintetica' in laboratorio, ma secondo Rubio gli insetti potrebbero funzionare meglio. "Le cellule di alcune specie hanno proprietà innate che le rendono più facili e convenienti da coltivare rispetto a quelle dei mammiferi". Questo filone di ingegneria alimentare commina di pari passo con la sostenibilità del settore zootecnico e dell'industria ittica, è noto che questa filiera ha un impatto notevole sull'ambiente producendo gas serra.

Per questo molti filoni di ricerca puntano ad alternative 'eco-sostenibili' per produrre le proteine animali contenute nella carne e nel pesce alla base dell'alimentazione della maggior parte delle popolazioni. "La catena di approvvigionamento dei gamberetti ha un impatto ambientale terribile", ha spiegato Mary McGovern, che sta lavorando con la sua azienda 'New Wave Foods' a un prodotto a base vegetale che assomiglia e ha il sapore di gambero. "Posso dire che contiene alghe e che tutti i nostri ingredienti sono sostenibili", conclude McGovern. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • “Pagare gli agricoltori per proteggere l’ambiente”, la proposta dei giovani di Fridays for Future

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento