Il futuro? Piatti a base di insetti: mai così tante richieste di autorizzazione di nuovi cibi in Ue

Da quando nel 2018 le regole in materia sono state ampliate le domande sono state più che nei quattordici anni precedenti messi insieme. Si attende il via libera alla farina di vermi con cui si potrebbero fare pane, pasta e biscotti

Foto Ansa EPA/JUSTIN LANE

Nei nostri piatti in futuro potremmo trovare sempre più cibi a base di insetti. Negli ultimi anni i cosiddetti novel food, i nuovi cibi, si stanno facendo spazio nel mercato, anche come alternativa agli allevamenti intensivi che hanno un forte ruolo nel cambiamento climatico. E a quanto pare questo nuovo settore dell'agroalimentare è in fortissima crescita.

Boom di richieste

L'Unione europea ha ricevuto più richieste di autorizzazioni di nuovi prodotti alimentari a base di ingredienti come alghe o farine di vermi a partire dal 2018, quando le regole in materia sono state ampliate, rispetto ai 14 anni precedenti messi insieme. Secondo dei dati consultati da Politico l'Autorità europea per la sicurezza alimentare ha accolto più di 156 applicazioni alimentari innovative per sostanze come colture di cellule di mele e proteine di fagioli mung da gennaio 2018, quando è entrata in vigore la nuova legislazione che ha l'obiettivo di rendere più facile per le imprese portare i loro prodotti insoliti sul mercato. Di questi 156, 114 sono ancora allo studio, 39 sono stati approvati e tre sono stati respinti, hanno detto i funzionari. In confronto solo 90 domande sono state presentate durante l'intero periodo dalla fondazione dell'Efsa, l'agenzia per la sicurezza alimentare comunitaria, nel 2003 fino alla fine del 2017, quando ha assunto il ruolo di valutatore centralizzato del rischio per i nuovi cibi. L'Efsa ha ricevuto una media di 52 nuove domande di alimenti ogni anno dal 2018, mentre tra il 2003 e il 2017 erano state solo circa 6,4 all'anno.

Farina di vermi e hamburger di cavallette

Tre i novel food molti sono a base di insetti ma l'agenzia ha affermato che le applicazioni più popolari di nuovi alimenti negli ultimi due anni sono state per quelli derivanti da piante, microrganismi, funghi, alghe e strutture molecolari modificate. Altri prodotti accattivanti includono la polvere di funghi arricchita con vitamina D2 e la "bacca miracolosa" essiccata, un frutto dell'Africa occidentale che può rendere dolci al palato dei cibi aspri consumati dopo di lei come ad esempio i limoni. Per il prossimo mese si attende il via libera a una farina ricavata da vermi essiccati, una decisione che potrebbe aprire la strada all'approvazione a livello europeo di altri prodotti a base di insetti, come gli hamburger di cavallette. Questa farina di vermi può essere usata per prodotti come pane, cereali per la colazione, biscotti e pasta, sebbene ciò richiederà ancora l'approvazione finale della Commissione e dei rappresentanti dei paesi dell'Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli olandesi non fanno sconti sulla Brexit, ai britannici in ingresso sequestrati anche i panini

  • Via libera Ue al consumo di vermi della farina, è il primo insetto approvato

  • Dagli allevamenti sostenibili all'agroecologia, ecco le pratiche che saranno sostenute dalla Pac

  • Parigi difende la 'francesità' del Carrefour dall'acquisizione straniera: sovranità alimentare in gioco

  • Bufera sulla sottosegretaria alla Pesca britannica: "Non ho letto l'accordo Brexit, facevo il presepe"

  • Non si ferma l'invasione delle locuste, in Africa adesso a rischio ben sette Paesi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento