rotate-mobile
Venerdì, 31 Marzo 2023
La decisione

Colza e soia geneticamente modificate autorizzate da Bruxelles negli alimenti e nei mangimi

Decisione successiva al parere positivo da parte dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare. Non potranno essere coltivate, ma l'Ue è decisa ad aprire le porte agli Ogm di nuova generazione

La Commissione europea ha autorizzato due colture geneticamente modificate per uso alimentare e mangimistico. Si tratta della colza, autorizzata per la prima volta, e della soia, che riceve invece un rinnovo. L'autorizzazione dell'esecutivo europeo non consente la coltivazione nell'Ue. Queste colture geneticamente modificate sono state sottoposte a una procedura definita "completa e rigorosa", che secondo gli esperti garantirebbe un elevato livello di protezione della salute umana e animale e dell'ambiente.

L'autorizzazione si basa su un parere dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che aveva emesso una valutazione scientifica favorevole, concludendo che questi organismi geneticamente modificati (Ogm) sono sicuri quanto le loro controparti convenzionali. Da sottolineare che rispetto a questa scelta gli Stati membri non hanno raggiunto una maggioranza qualificata a favore o contro l'autorizzazione in seno al Comitato permanente e al successivo Comitato d'appello. Le autorizzazioni sono state quindi adottate autonomamente da Bruxelles e sono valide per 10 anni. Tutti i prodotti ottenuti da questi Ogm saranno comunque soggetti alle norme dell'Unione europea in materia di etichettatura e tracciabilità.

Dopo una fase iniziale caratterizzata da particolare cautela, sotto la spinta di movimenti ambientalisti e associazioni di piccoli produttori, l'Unione europea in questi anni sta mutando il suo approccio nei confronti degli Ogm. La Commissione europea dichiara di seguire i continui progressi della moderna biotecnologia, "per valutare come l'Ue possa trarre vantaggio dall'innovazione nel settore agroalimentare" senza però compromettere elevati standard di sicurezza. Nell'ultimo decennio, sono state sviluppate nuove tecniche, come quelle di cosiddetto "editing del genoma" che prevedono di manipolare il Dna di una pianta migliorandone determinate caratteristiche senza dover inserire Dna esterno.

Nel novembre 2019 il Consiglio degli Stati membri ha chiesto alla Commissione europea di fornire uno studio sulle nuove tecniche genomiche, pubblicato nel 2021. Sulla base dei risultati emersi, l'esecutivo europeo ha avviato un'azione politica sulle piante prodotte da mutagenesi e cisgenesi mirate, che comporterà una valutazione d'impatto, che a sua volta includerà una consultazione pubblica. L'iniziativa ha come obiettivo di creare un nuovo impianto normativo per i prodotti vegetali geneticamente modificati, senza che debbano ricadere negli stretti vincoli stabiliti nella direttiva vigente del 2001.  Le tecniche genomiche secondo i funzionari europei contribuiranno ad assicurare agli obiettivi del Green Deal europeo e del Strategia dalla fattoria alla tavola "Farm to fork".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colza e soia geneticamente modificate autorizzate da Bruxelles negli alimenti e nei mangimi

AgriFoodToday è in caricamento