Domenica, 20 Giugno 2021
Innovazione

Le cozze come il maiale, non si butta via niente: sedie, vasi e poltrone create con i gusci

Al via in Italia un progetto che sta mettendo a punto nuovi metodi per riutilizzare le conchiglie di questi mitili, che hanno lunghissimi tempi di smaltimento

Del maiale non si butta via niente. A quanto pare ora questo adagio potrà ritenersi valido anche per le cozze. Sì perché i gusci di questi mitili, amatissimi dagli italiani che li usano per preparare i piatti più disparati, dal sautè alla pasta, potranno essere utilizzati per creare materiali con ci produrre gli ogetti più disparati, dalle sedie, ai vasi e alle poltrone. Secondo Fedagripesca-Confcooperative, questa filiera in Italia al momento vale una decina di milioni grazie ad una produzione di oltre 63 mila tonnellate l'anno, coprendo i due terzi del fabbisogno comunitari.

Ma adesso si stanno cercando nuove vie sostenibili per ridurre al massimo gli scarti, visto che il guscio è di pietra calcarea, materiale non solo non biodegradabile ma con lunghissimi tempi di smaltimento. Un progetto sperimentale adesso trasforma gli scarti della lavorazione in sedie, poltrone, plafoniere e vasi. Un modo per trasformare rifiuti potenzialmente dannosi per gli ecosistemi costieri, comprese le classiche retine per allevare questa specie. L'iniziativa, fa sapere Fedagripesca, è della Fondazione Medsea sarda nell'ambito del progetto Maristanis e Nieddittas, l'azienda che gestisce l'intera filiera dell'allevamento delle cozze nel Golfo di Oristano, insieme ai laboratori del Blue Eco Lab specializzata in recupero dei rifiuti in mare. Trarre ricchezza dai gusci è anche una delle linee di ricerca del progetto europeo B-Blue, incentrato proprio sull'utilizzo degli scarti come mangimi, ottima fonte di calcio nella zootecnia e per trasformarli in additivi naturali per la terra.

Gli studi, ricorda Fedagripesca, finanziati dal programma internazionale biterreg Med e dal Fondo di sviluppo regionale europeo con 1,5 milioni di euro e coordinati dall'Enea, prevedono azioni pilota nelle Marche e nella Puglia. Non ultimo il caso della Liguria, dove la cooperazione è impegnata in un progetto per 'salvare' gli impianti di mitilicoltura del Golfo di La Spezia dalle orate, grandi appassioniate di questo mitile Con la supervisione scientifica del Mipaaf e nel pieno rispetto della sostenibilità, un pescatore subacqueo professionale cattura le orate e allo stesso tempo funge da dissuasore nell'area degli allevamenti, diventando un vero e proprio spaventapasseri dei mari. Orate alle quali però è permesso di nutrirsi con gli scarti di cozze rotte o non commerciabili per motivi estetici, riciclando così uno scarto. Oltre a polpa e guscio, si può riciclare anche il bisso, il filamento che consente alle cozze di attaccarsi alle superfici di rocce o scafi delle navi. Si tratta di una fibra tessile da cui si ricavano tessuti già da tempo nel Mediterraneo, chiamata 'la seta del mare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

AgriFoodToday è in caricamento