Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il Prosecco pesticidi-free è possibile, ecco come"

Si chiama Gleres ed è il primo progetto per realizzare una varietà Glera resistente, che consentirà, una volta messo a punto, di arrivare a un abbattimento del 70% di trattamenti con anticrittogamici

 

Il sogno di un Prosecco nato da uve senza pesticidi diventa realtà grazie al progetto Gleres, messo in atto nelle colline del trevigiano per ottenere nuove varietà di vite resistenti alle malattie fungine. L’idea - frutto di una convenzione siglata da Confagricoltura Treviso e il Crea-Ve, il Centro di ricerca per la viticoltura e l’enologia che ha sede a Conegliano - coinvolgerà 17 tra le maggiori cantine delle terre del Prosecco, il celebre vino bianco ottenuto dalle uve di varietà Glera. Il progetto mira dunque a ridurre le perdite produttive in modo duraturo. A parlarcene in questa video-intervista sono Lodovico Giustiniani, presidente Confagricoltura Veneto, e Riccardo Velasco, direttore Crea Viticoltura Enologia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento