“Bioraffinerie per produrre energia con gli insetti”

Una ricerca italiana utilizza i “black soldier fly”, larve che si nutrono di fanghi di depurazione, letame e scarti dell’industria agro-alimentare. Un piccolo capolavoro di economia circolare

Gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione potrebbero presto diventare un prezioso alleato per lo smaltimento degli scarti agroindustriali e la produzione di energia pulita. L’ecosostenibilità del processo di smaltimento verrebbe assicurata grazie alle larve di un insetto saprofago, meglio conosciuto come “black soldier fly”. Un vero e proprio netturbino naturale capace di trasformare il letame in energia. Questo è l’ambizioso progetto condotto da una squadra di ricercatori dell'Enea (l'agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) che punta alla bioconversione con l’ausilio delle larve che vanno ghiotte di fanghi di depurazione di acque reflue, letame e scarti dell’industria agro-alimentare.

Gli insetti in età di crescita, precisa l’Enea, “riescono ad operare la bioconversione di questi substrati organici, trasformandoli in molecole quali lipidi, proteine e polisaccaridi che possono trovare applicazione in campo energetico, cosmetico, farmaceutico e agroindustriale”.

Il progetto tutto italiano è condotto in collaborazione con il Laboratorio di entomologia sanitaria dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna. Il primo risultato apprezzabile del lavoro dei ricercatori è una vera e propria “bioraffineria” di piccole dimensioni. Si tratta di un capolavoro di economia circolare che punta a sfruttare materiali da smaltire per ottenere biocarburanti avanzati, ma anche materia prima di chimica verde, come bioplastiche e rivestimenti biodegradabili. 

“Il nostro obiettivo”, sottolinea Silvia Arnone del Laboratorio biomasse e biotecnologie per l’energia dell’Enea, “è incrementare l’efficienza del processo e caratterizzarlo determinando il profilo nutrizionale e lipidico e il contenuto di polisaccaridi come la chitina negli stadi maturi dell’insetto con la prospettiva di amplificare e migliorare la strategia di utilizzo di questa specie, che finora è stata considerata solo nella produzione di farine proteiche per la zootecnia”. 

Il processo di bioconversione - spiega il comunicato di presentazione della ricerca - è caratterizzato da un’elevata efficienza, dal momento che le larve riescono a metabolizzare e ridurre in soli 15 giorni fino all’80% del volume del substrato organico. 

“Prove preliminari con tre regimi alimentari e diverse composizioni del substrato - prosegue Arnone - hanno dato risultati incoraggianti, propedeutici alla messa a punto di prove sperimentali su una scala maggiore con fanghi in combinazione con altre biomasse di scarto, come la frazione organica dei rifiuti urbani o il digestato, un sottoprodotto derivante dalla fermentazione anaerobica delle biomasse”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel mondo vi sarebbero oltre 4mila specie di insetti saprofagi che, nutrendosi di materia organica come vegetali, carcasse di animali o escrementi, permettono al substrato di decomporsi e diventare nuovamente disponibile per piante e altri esseri viventi, svolgendo ruolo fondamentale nel ciclo della vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • “Pagare gli agricoltori per proteggere l’ambiente”, la proposta dei giovani di Fridays for Future

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento