Taglia e cuci del Dna, arrivano i primi cloni del riso da semi

In questo modo gli scienziati hanno permesso di mantenere inalterate le caratteristiche volute in tutte le piante

Si riproducono da semi ma grazie alle tecniche di manipolazione genetica, e in questo modo le piante “figlie” sono in realtà dei cloni. È avvenuta sul riso la prima riproduzione asessuata ed è stata ottenuta con la tecnica del taglia e cuci del Dna, la Crispr, mantenendone inalterate le caratteristiche volute. Descritto sulla rivista Nature, il risultato si deve ai ricercatori dell'università della California di Davis. È dagli anni '20 che si cerca di avere piante di miglior qualità e più resistenti agli insetti incrociando semi di varietà diverse. Quella di poter produrre un clone di una pianta dai suoi semi, potrebbe segnare una svolta per l'agricoltura. Invece di acquistare ogni anni costose sementi ibride, i coltivatori potrebbero ripiantare i semi delle loro stesse piante ibride.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Circa 400 specie di piante selvatiche possono produrre semi vitali senza fecondazione, attraverso un processo detto apomissia, che si è evoluto in molte piante, ma è assente dalle varietà di semi in commercio. Con la riproduzione asessuata nelle piante si potrebbero avere le caratteristiche genetiche volute e aumentare il cosiddetto 'vigore ibrido' (che si ha nella prima generazione di semi incrociati), dando vita a sementi di maggiore qualità. Il gruppo guidato da Imtiyaz Khanday e Venkatesan Sundaresan è arrivato a questo risultato identificando il gene Baby Boom1 (BBM1), presente nelle cellule dello sperma, e scoprendo che è il fattore chiave per la produzione di embrioni, anche in assenza di fecondazione. Dopo di che hanno usato la Crispr per eliminare la meiosi, cioè il processo di divisione cellulare che dà vita alle cellule riproduttive (spermatozoi e cellule uovo) nei ceppi di riso che avevano questo gene negli ovociti. Queste varietà hanno mostrato di potersi riprodurre in modo asessuato, dando vita a dei cloni, che hanno mantenuto le caratteristiche genetiche volute per altre due generazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • "La caccia al cinghiale favorisce la pesta suina", animalisti contro il piano del governo

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Un milione di persone si impegnano a partecipare al 'gennaio vegano' di Phoenix e McCartney

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • Cannabis, Parlamento Ue innalza limite legale di Thc. Festeggia il comparto della canapa industriale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento