menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dai robot in stalla alle insalate del 'vertical farming', in Italia avanza l'innovazione nei campi

Confagricoltura ha premiato nove aziende che puntano ad aiutare le coltivazioni con la tecnologia. "Sostenere i processi che permettono di migliorare gli standard produttivi delle aziende"

Da un innovativo processo produttivo che utilizza i vinaccioli dell'uva per la produzione di farine di semi di uva gluten free per produrre dolci e pasta alla produzione di insalate ed erbe aromatiche in vertical farming, da piattaforme digitale per contrastare danni biotici e abiotici del vigneto all'allevamento sostenibile di suini antibiotic free e per l'ampio uso di energia da biogas ed energia solare.

Sono alcune delle innovazioni applicate nel settore agricolo delle nove aziende premiate da Confagricoltura e presentate alla seconda edizione del Premio nazionale per l'Innovazione. Si tratta di nove realtà di diverse province italiane, che dimostrano come la digitalizzazione nelle aree rurali, la tecnologia, la robotica, l'economia circolare, possano permettere di migliorare le produzioni, risparmiare risorse naturali preziose, ma anche favorire il benessere aziendale, sociale ed economico, sempre con un occhio attento alla sostenibilità. Il Premio, nato due anni fa, vuole valorizzare quelle realtà del settore primario che si sono distinte in termini di tecnologie applicate in agricoltura, e il ruolo centrale degli imprenditori agricoli come promotori dello sviluppo economico del territorio e del Paese.

“I risultati delle selezioni di questi mesi rafforzano la convinzione che sia indispensabile sostenere i processi innovativi che possono generare un miglioramento degli standard produttivi in tutte le imprese, grandi e piccole'', ha detto il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti. Per il il ministro delle politiche Agricole, Stefano Patuanelli, presente all'evento, “la sfida dei prossimi anni sarà quella tra cibo naturale e cibo sintetico. Dobbiamo far sì che l'innovazione accompagni la produzione di cibo naturale in questa grande sfida”, e questo premio “va in questa direzione”. Secondo il ministro “l'innovazione di processi e di prodotti” permette alle aziende di essere “competitive producendo cibo naturale, di qualità in un contesto di sostenibilità ormai ineludibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento