Basta spreco di cibo, una molletta ci avvertirà quando sta per scadere

Si può usare per chiudere le confezioni e avverte il consumatore tramite un'app sul telefonino quando un alimento deve essere consumato per evitare che vada a male

Lo spreco alimentare ha un costo sociale ed economico enorme. In Italia, nel 2018, sono finiti nel cestino 15 miliardi di euro in cibo: 247 euro per ogni cittadino, neonati compresi.

L'invenzione

Per provare a porre fine a questo spreco arriva in aiuto la tecnologia, grazie a una molletta capace di avvertirci quando il cibo che abbiamo comprato sta per scadere. Si chiama Memo Food Clip, una soluzione brevettata e composta da una clip promemoria che si può applicare agli alimenti e da un'app che attraverso lo smartphone avverte (tre giorni e 24 ore prima) dell'imminente scadenza dei cibi conservati in frigo o nella dispensa di casa. "I dati sullo spreco di alimenti sono impressionanti, nonostante negli ultimi anni ci siano state numerose campagne di sensibilizzazione sul tema”, ha sottolineato Enrico Ranzato, amministratore delegato e socio fondatore di H24Invent, l'azienda veneta che ha pensato e messo in commercio il prodotto.

Il sistema

Come funziona? In pratica si tratta di una clip da applicare agli alimenti, utile anche per chiudere sacchetti. Ad essa è collegato un programma scaricabile sullo smartphone, che permette di inserire la data di scadenza e volendo info sul prodotto quali il prezzo o la data in cui è stata aperta la confezione. Quando il giorno ultimo di consumo si avvicina il telefono invia un notifica ricordando di consumare il cibo che altrimenti andrebbe sprecato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Coldiretti lancia l'Sos presepe: dalle stalle spariti 2 milioni di animali

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Semaforo rosso al nutri-score francese, arriva la ‘batteria’ in etichetta che piace al made in Italy

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • Riutilizzo delle acque di scarico per l’irrigazione, arriva il via libera da Bruxelles

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento