Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

Le nuove aziende che scommettono sulla sostenibilità ambientale sono ancora una minoranza delle neonate iniziative imprenditoriali di produzione alimentare

Il Nord America e l’India, anche nel 2020, mantengono la leadership mondiale nel campo dell’innovazione nel settore agroalimentare. È quanto rilevano le cifre pubblicate dall’Osservatorio Food Sustainability del Politecnico di Milano, che oggi dedica il convegno “La sostenibilità vien innovando!” ai temi dell’informazione e della circolarità, “le chiavi di volta per una filiera più sostenibile e inclusiva”.  

Il nuovo contesto e le start-up

Nel contesto del Covid-19, l’Osservatorio ha analizzato le pratiche di prevenzione e gestione delle eccedenze alimentari focalizzandosi sugli stadi di trasformazione, distribuzione e ristorazione collettiva e su alcune filiere specifiche. Le problematiche aperte dalla drammatica crisi pandemica in materia di approvvigionamento di alimenti sostenibili possono, almeno in parte, trovare soluzione grazie alle imprese e start-up innovative che investono su sicurezza e trasparenza, emerse come priorità dei consumatori.

I numeri

L’America settentrionale e l’India registrano rispettivamente 2.271 e 380 startup agri-food, delle quali solo il 23% e il 15% sono considerate sostenibili. A discapito della grande tradizione agroalimentare, anche l’Italia sembra puntare poco sulla sostenibilità dei prodotti. Nel Belpaese si registrano 53 startup agri-food, tra le quali solo il 13% sono attive nell’innovazione finalizzata alla sostenibilità ambientale del sistema produttivo. Sul totale a livello globale di 1.158 startup sostenibili, il 39% ha ricevuto almeno un finanziamento, nel contesto degli sforzi pubblici e privati per compiere una transizione verde in campo agroalimentare.

I finanziamenti

La start-up sostenibili hanno ricevuto complessivamente 2,3 miliardi di dollari, in media 5,2 milioni per startup, contro i 6,1 dell’anno scorso. Gli Stati Uniti fanno la parte del leone, con un totale di 1,7 miliardi raccolti (media di 7,2 milioni a startup). Tuttavia, i contributi esterni alle nuove idee imprenditoriali sostenibili è diminuito del 17% rispetto al 2018. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Ue in ritardo

Segue l’Europa, che supera i Paesi asiatici per finanziamenti ricevuti, 312 milioni di dollari contro i 308 delle startup orientali, ma rimane indietro nel finanziamento medio a startup: 2,7 milioni di dollari in Europa e 4,2 milioni in Asia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento