menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Inserire il sostegno all'agricoltura biologica nel Recovery Plan italiano"

L'appello di Federbio ai capigruppo del Parlamento: "L'Italia s allineai alle politiche green dell'Unione europea"

L'Italia dovrebbe inserire misure per il sostegno dell'agricoltura biologica all'interno del suo progetto per il Recovery Plan. Federbio ha lanciato in un appello ai capigruppo parlamentari di maggioranza per chiedere, come sollecitato dall'Unione europea, "l'inserimento della transizione agroecologica" all'interno del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) è il programma di investimenti che l'Italia deve presentare alla Commissione europea nell'ambito del Next Generation EU, che a loro avviso "finora ha completamente trascurato il biologico nonostante punti fortemente allo sviluppo di una filiera agroalimentare sostenibile".

La Federazione chiede che "l'Italia si allinei alle politiche green dell'Ue che puntano fortemente sul biologico. Il Piano d'azione europeo per il bio, presentato a fine marzo, non solo supporta con iniziative concrete gli obiettivi del Green Deal europeo e delle strategie Farm to Fork e Biodiversità, ma mette anche a disposizione degli Stati Membri strumenti per raggiungere gli obiettivi definiti, con investimenti strategici in ricerca e innovazione per la transizione al biologico". La comunicazione ai capigruppo sottolinea "la richiesta dell'Unione europea che chiede agli Stati membri la definizione di strategie nazionali per il biologico e l'implementazione della transizione agroecologica nei Piani d'azione nazionali".

"Il 30 marzo scorso, insieme alle organizzazioni del biologico, abbiamo scritto un appello al presidente del Consiglio Draghi e al ministro dell'Agricoltura Patuanelli per chiedere di considerare misure per la valorizzazione dell'agroecologia nella stesura definitiva del Pnrr, richieste che purtroppo sono state ignorate. Abbiamo quindi deciso di scrivere ai gruppi parlamentari che sostengono il Governo perché nei passaggi parlamentari venga inserito, nella versione definitiva del Pnrr, un riferimento esplicito all'agricoltura e ai prodotti biologici certificati secondo normativa Ue, che riportano il logo europeo in etichetta. La transizione ecologica dell'agricoltura italiana non può prescindere da un investimento del sistema Paese nel settore biologico certificato", osserva Maria Grazia Mammuccini, presidente Federbio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento