menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
US President Joe Biden talks to staff at the National Institutes of Health, in Bethesda, Maryland, USA, 11 February 2021. EPA

US President Joe Biden talks to staff at the National Institutes of Health, in Bethesda, Maryland, USA, 11 February 2021. EPA

Biden conferma i dazi di Trump. Colpiti anche prodotti made in Italy

Il nuovo presidente Usa non cambia per ora la politica commerciale del suo predecessore. L'allarme della Coldiretti: "Avviare subito un dialogo con Washington"

"Con il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden occorre ora avviare un dialogo costruttivo e superare uno scontro dagli scenari inediti e preoccupanti che rischia di determinare un pericoloso effetto valanga sull'economia e sulle relazioni tra Paesi alleati in un momento drammatico per gli effetti della pandemia". Lo afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel commentare la conferma dei dazi aggiutivi su mezzo miliardo di alimenti e alcolici made in Italy.

"Gli Stati Uniti rappresentano nell'agroalimentare made in Italy il primo mercato di sbocco fuori dai confini comunitari per un valore record vicino ai 5 miliardi nel 2020, in crescita del 5% secondo la proiezione Coldiretti su dati Istat". La conferma dei dazi arriva, sottolinea la Coldiretti, a poco meno di un anno e mezzo dall'entrata in vigore il 18 ottobre 2019 in Usa di una tariffa aggiuntiva del 25% su una lunga lista di prodotti importati dall'Italia e dall'unione Europea, per iniziativa di Donald Trump alla quale ha fatto successivamente seguito una escalation che ha portato all'entrata in vigore il 10 novembre 2019 di tariffe aggiuntive della Ue sui prodotti Usa pari al 15% per gli aerei che salgono al 25% su ketchup, formaggio cheddar, noccioline, cotone e patate insieme a trattori, consolle e video giochi alla quale gli Stati Uniti hanno replicato colpendo l'importazione di parti di produzione di aeromobili provenienti da Francia e Germania, i vini, il cognac e brandy francesi e tedeschi, che sono inseriti nell'elenco dei prodotti tassati a partire dal 12 gennaio 2021. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento