Il cibo porta lavoro: dall'agroalimentare 300mila nuovi occupati in 5 anni

E' quanto emerge da uno studio di Coldiretti: tra agricoltura e industria del food, impiegati 1,3 milioni di lavoratori. Una crescita del 33% rispetto al 2013

Se l'Italia è uscita dalla crisi economica mondiale con le ossa un po' meno rotte, un pezzo importante del merito va a uno dei suoi simboli: il cibo. Tra il 2013 e il 2018, infatti, tra agricoltura e industria alimentare vi è stato un aumento dei posti di lavoro pari al 33,3%. Quattro volte la crescita generale dell'occupazione nell'intera economia italiana. E' quanto emerge dal rapporto 'Il Valore della filiera italiana del cibo' di Coldiretti e Filiera Italia presentato al Forum di Tuttofood a Milano dal presidente del Censis Giuseppe De Rita con la presenza, tra gli altri, del premier Giuseppe Conte, del presidente di Coldiretti Ettore Prandini e del Consigliere delegato Filiera Italia Luigi Scordamaglia.

In un quinquennio, il numero degli occupati nell'agrofood italico è passato da 980mila a 1,3 milioni. E questo, sostiene il rapporto di, "grazie alla capacità del settore di intercettare la nuova domanda globale di alta qualità e tipicità nell'alimentare ma anche di interpretare l'attenzione alla sostenibilità sociale e ambientale". Il numero degli occupati, poi, diventa ancora più elevato se si considerano anche gli addetti della distribuzione commerciale e tutto il settore della ristorazione.

Se il lavoro aumenta, il merito è anche dell'export: dal 2008 a oggi, infatti, le esportazioni sono salite da 23,6 miliardi a 41,8 miliardi di euro, con un aumento record del 47,8% (contro il +16,5% del totale dell'economia). Crescita peraltro che continua perché nel gennaio 2019, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente il valore delle esportazioni della filiera è pari a 3,1 miliardi, +3,6% rispetto al gennaio del 2018, mentre il totale economia fa +2,2%.

Gli incrementi dell'export agroalimentari - spiega lo studio di Coldiretti e Filiera Italia - coinvolgono le principali aree italiane, incluse quelle meridionali poiché nel 2008-2018 le regioni del Nord segnano +50,7% (Piemonte +51,9%, Veneto +68,5%), quelle del Centro +49,6% (Emilia Romagna +50,8%, Umbria + 68,1%, Lazio + 51,7%), ed il Meridione +35,6% (Sicilia +46,3%, Calabria +40,2%, Puglia +36,9%, Molise +114,2%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento