Mercoledì, 4 Agosto 2021
Lavoro

"Con il coronavirus, a rischio l'autosufficienza alimentare dell'Ue"

L'allarme di Coldiretti: "Dall'inizio dell'anno hanno chiuso circa 7 imprese agricole solo in Italia, Bruxelles intervenga a sostegno del settore"

Oltre 7mila aziende agricole in Italia hanno chiuso i battenti nei primi 4 mesi del 2020. Circa un quarto del totale delle imprese fallite in questo inizio anno. Le ragioni sono diverse, ma è chiaro che il settore "risente degli effetti dell'emergenza coronavirus". E' quanto dichiara Coldiretti sulla base dei dati Unioncamere relativi alla mortalità delle imprese italiane. Una crisi che rischia di colpire l'intera agricoltura europea, portando l'Ue a "perdere l'autosufficienza alimentare", denuncia la lobby degli agricoltoti italiani.

"L'Unione europea - sottolinea la Coldiretti - rischia di perdere quest'anno l'autosufficienza alimentare e il suo ruolo di principale esportatore mondiale di alimenti per un valore si 151,2 miliardi di euro con un surplus commerciale nell'agroalimentare di 31,9 miliardi. Un sistema che - continua la Coldiretti - poggia anche sui primati dell'agricoltura made in Italy".

Da qui l'appello a Bruxelles: "E' necessaria una risposta adeguata dalla Commissione Ue e dei capi di Stato e di governo con il riconoscimento del ruolo centrale e strategico dell'agricoltura nella proposta relativa al Quadro finanziario pluriennale Ue 2021 - 2027 dove i tagli di risorse paventati sono inaccettabili. Devono invece essere previsti - chiede Coldiretti - opportuni strumenti e finanziamenti, anche fuori dal bilancio della Pac, per gestire l'attuale crisi". "In gioco - conclude la Coldiretti - c'è una filiera allargata che solo in Italia dai campi agli scaffali vale oltre 538 miliardi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con il coronavirus, a rischio l'autosufficienza alimentare dell'Ue"

AgriFoodToday è in caricamento