“Non siamo pigri, gli imprenditori agricoli preferiscono i migranti sottopagati”

Nel Regno Unito come in Italia sembrano poche le richieste di andare a lavorare come braccianti durante l'emergenza coronavirus. Secondo The Guardian a scoraggiare i britannici sarebbero i salari e le dure condizioni di lavoro

Nel Regno Unito, come in Italia, la richiesta di cittadini britannici per la raccolta di frutta e ortaggi è finita in gran parte inascoltata. In tanti hanno lamentato che i cittadini sarebbero troppo pigri per fare un lavoro duro come quello dell'agricoltore, e che preferirebbero accontentarsi dei sussidi dello Stato, in attesa che le cose tornino alla normalità. Ma molti non ci stanno a sottostare a questa narrazione e puntano il dito contro gli imprenditori agricoli che, dicono, preferirebbero la manodopera immigrata e sottopagata. Il Guardian afferma di essere stato inondato di messaggi su Facebook e email di protesta.

Dure condizioni di vita

Chay Honey, di Bristol, che havperso il lavoro perché hanno annullato i festival musicali, ha affermato che la retribuzione e le condizioni dell'impiego nei capi sono inaccettabili. "Vivo con la mia fidanzata e vivere sui terreni che dovrei coltivare significherebbe che avrei solo un giorno a settimana per stare con amici e parenti. Hanno anche detto che non puoi usare il tuo veicolo, il che rende difficile uscire per andare nei negozi. Molto rapidamente il romanticismo di andare a lavorare in una fattoria per aiutare a fornire cibo per la nazione è diventato molto poco attraente ", ha detto aggiungendo che questo tipo di lavoro “sembra che sia molto adatto ai migranti stagionali”, che vengono, vivono dove lavorano per alcuni mesi, e poi tornano nel loro Paese di origine. “Non stiamo cercando un trattamento speciale, ma l'intero sistema deve avere una certa flessibilità e non solo questo approccio generale ".

Domande senza risposta

Alison Harrow, allenatrice di atletica leggera al momento in cerca di lavoro agricolo, ha detto di sentirsi "davvero scoraggiata", dopo aver fatto " domanda per 200 posti di lavoro e aver ottenuto come risposta o un 'Abbiamo abbastanza persone adesso' o un silenzio assoluto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavoro pensato per i migranti

Nick Marston, presidente della British Summer Fruits, ha affermato che il modello di business della frutticoltura è stato "strutturato attorno a una forza lavoro non britannica per molti anni" perché i lavoratori locali lo hanno evitato, da qui la differenza di condizioni e salari. Ma ora, ha promesso, le cose potrebbero cambiare. "Le aziende agricole stanno ricevendo un gran numero di domande e penso sarebbe ingiusto affermare che l'industria non sta accogliendo la forza lavoro locale ".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tabacco fa bene alla salute, lo dicono gli scienziati (italiani)

  • Più soldi ai contadini e meno Co2 grazie ai boschi: le priorità dei cittadini sulla Pac

  • Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

  • L'aspettativa di vita degli italiani? Quella "sana" è di 73 anni

  • "Meno carne non comporta per forza meno inquinamento", uno studio Ue contro i falsi miti sugli allevamenti

  • "Guerra delle capesante", pescherecci francesi attaccano i britannici a colpi di razzi segnalatori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento