Coronavirus, i sindacati contro l'ampliamento dei voucher in agricoltura

Per Cgil, Cils e Uil “l'emergenza non può essere l'occasione per deregolamentare il mercato del lavoro”

"Siamo contrari alla semplificazione e all'ampliamento dell'uso dei voucher in agricoltura. L'emergenza del Coronavirus non può essere l'occasione per deregolamentare il mercato del lavoro in un settore in cui le regole esistenti per assumere manodopera già permettono una più che ampia flessibilità".

No precarietà

Lo dichiarano in una nota congiunta Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil. "Per noi - spiegano i sindacati di categoria dell'agroalimentare - è inaccettabile che la gravissima emergenza determinata dalla pandemia del Covid-19 possa essere il grimaldello per rendere ancora più precario il lavoro agricolo. Respingeremo, quindi, qualsiasi tentativo di modifica delle attuali norme di utilizzo dei voucher".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

No a scorciatoie

"Non è con queste scorciatoie - proseguono - che si può pensare di convincere i tanti nuovi disoccupati che questa pandemia genererà in Italia, a lavorare nel settore primario per supplire alla momentanea carenza di manodopera. Il problema si risolve rendendo più trasparente l'incontro tra domanda e offerta di lavoro a livello territoriale. Per questo occorre dare un nuovo impulso allo sviluppo delle sezioni territoriali della rete del lavoro agricolo di qualità, questione sulla quale Fai, Flai e Uila si battono da anni e che deve essere affrontata e risolta''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • La pandemia ha causato un crack da 2 miliardi all'industria dell'olio Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento