Seimila italiani si offrono come braccianti, ma ne servono 250mila

Tanti italiani hanno risposto agli appelli di Confagricoltura e Coldiretti per andare a lavorare nei cambi a corto di manodopera, ma non abbastanza per assicurare i raccolti

Con la crisi economica e le tante perdite di lavoro dovute al lockdown per fermare la pandemia di coronavirus, sono tanti gli italiani che hanno accetatto di andare a lavorare nei campi dove manca la manodopera stagionale straniera. Tanti ma non certo abbastanza purtroppo per soddisfare la forte domanda. A causa del Covid 19, le organizzazioni agricole registrano una pesante carenza di manodopera, mancano all’appello più di 250mila braccianti. Per questo Confagricoltura ha lanciato Agrijob e Coldiretti Jobincountry, due piattaforme che puntano a mettere in contatto domanda e offerta. Ma al momento hanno ricevuto rispettivamente 3.500 e 3mila adesioni, cifre purtroppo assolutamente inferiori a quelle che servirebbero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci hanno scritto studenti, ma anche laureati. Molti vengono dalla ristorazione, o dal settore alberghiero. Sono disposti anche a spostarsi", ha raccontato Romano Magrini, responsabile Lavoro di Coldiretti. Le due associazioni chiedono però la possibilità di pagamento atraverso i voucher con una procedura semplificata. A loro avviso i contratti a termine mal si adattano a lavoratori in cassa integrazione o fermi solo temporaneamente, per via del coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento