menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La battaglia dei sindacati australiani: "Serve un salario minimo anche per gli stagionali"

Con i pagamenti a cottimo alcune aziende agricole pagano a volte soltanto tre euro l'ora ma le organizzazioni di categoria chiedono che questa cifra venga portata almeno a 25

Il fatto che un bracciante sia uno stagionale o un giovane che decide di lavorare per qualche tempo nei campo per guadagnare qualcosa, non significa che per questo possano essere sfruttati. Per questo i sindacati australiani sono sul piede di guerra e hanno lanciato una battaglia legale per fare in modo che i raccoglitori di frutta occasionali siano pagati in futuro almeno 25 dollari l'ora, ponendo fine all'abitudine dei proprietari terrieri di retribuirli a cottimo e arrivando così a remunerarli anche soltanto tre dollari l'ora.

La richiesta

L'Australian Workers Union ha chiesto all'organismo di controllo, la Fair Work Commission, di modificare il regolamento Horticulture Award che al momento consente agli agricoltori di pagare i lavoratori a cottimo, in base alla quantità di frutta che raccolgono, oppure a una tariffa oraria. Come racconta il Guardian una serie di inchieste e rapporti hanno rivelato la massiccia diffusione dello sfruttamento nel settore della raccolta della frutta, che è composto in gran parte da manodopera straniera proveniente da altre isole del Pacifico e da 'backpackers', giovani in viaggio per la nazione che lavorano anche nei campi per pagarsi questa esperienza di vita.

Lo sfruttamento

La scorsa settimana, un rapporto del McKell Institute, commissionato dall'AWU, ha rilevato che alcuni raccoglitori di mirtilli venivano pagati solo tre l'ora e denunciava la pratica di furto salariale da parte delle società che si occupano dell'intermediazione tra azienda e lavoratori occasionali. In base alla proposta di emendamento del sindacato i datori di lavoro sarebbero ancora autorizzati a cottimo, per incentivare i lavoratori più produttivi, ma il minimo deve essere comunque quello stabilito per i salari del lavoratori part time. I lavoratori poi assunti a tempo indeterminato potranno continuare però a essere pagari un minimo di 19,84 dollari l'ora. Lo scopo è anche quello di incentivare le assunzioni o l'utilizzo di manodopera locale quando possibile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento