rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Iniziative

Oltre 200 agricoltori morti in cinque anni, Parigi organizza una scuola guida di trattori.

L'iniziativa, promossa in Francia, intende evitare la principale causa di decessi nel lavoro rurale. Meno incidenti, ma mezzi sempre più grandi e complessi causano più vittime

A scuola guida di trattori con la polizia. L'iniziativa "10 nella guida agricola", promossa in Francia sin dal 1972, ha inaugurato l'edizione del 2022 in Bretagna, cercando di far fronte a un problema diffuso e drammatico: la morte accidentale dei lavoratori agricoli causata da questi mezzi. Denominate “morti verdi”, in cinque anni (tra il 2013 e il 2017) se ne sono contate 201. Oltre mille invece le persone ferite e 984 quelle coinvolte in incidenti con un trattore, secondo uno studio condotto nel 2020 dall'Osservatorio nazionale interministeriale della sicurezza stradale. Il tragico bilancio è causato da un uso erroneo di questi mezzi, che sono la prima causa di morte accidentale nel settore agricolo.

Gli agenti di polizia sono impegnati nell'addestramento degli studenti delle scuole superiori agricole, per sviluppare i riflessi corretti per guidare queste macchine, riducendo i pericoli e le imprudenze. Nonostante gli incidenti con i trattori siano in costante diminuzione da dieci anni, le conseguenze stanno diventando sempre più gravi, dato che questi mezzi diventano più grandi e potenti, ma anche più difficili da gestire. Gran parte delle volte è l'errore umano a causare l'incidente.

Disattenzioni e scarsa formazione

L'obiettivo è quello di formare i giovani agricoltori alle sfide della sicurezza sulla strada e sul campo. Gli agenti di polizia controllano in particolare il livello di conoscenza delle regole della strada e correggono le cattive abitudini acquisite nella vita quotidiana. La maggior parte dei giovani sa già guidare un trattore, avendolo appreso nella fattoria di famiglia o "sul lavoro" durante i corsi di formazione. Una delle principale mancanze riguarda la cintura di sicurezza. “Indossarla non è un riflesso", dice un addestratore della polizia, aggiungendo “Con noi fanno attenzione a indossarla, ma è quasi certo che poi non lo faranno nella loro vita quotidiana”. La differenza si nota anche dalla strada al campo. Nel caso di incidenti con feriti, il 12% dei conducenti di trattori agricoli coinvolti non indossava la cintura di sicurezza, rispetto al 2% degli automobilisti. Le prove pratiche riguardano la manipolazione di una balla di fieno, l'inversione tra i marcatori con una combinazione trattore-ribaltabile. Al termine della giornata educativa, i giovani sono valutati sulla loro capacità di comprendere le situazioni osservate durante le esercitazioni pratiche. Affrontano inoltre un test a scelta multipla sul codice della strada, l'ambiente stradale e la sicurezza personale sul lavoro.

In Italia, nei primi sei mesi del 2021, l'Osservatorio sulle morti verdi ha contato 196  incidenti. Curato dall'Associazione sostenitori amici polizia stradale 'Asaps', l'Osservatorio ha sottolineato un calo rispetto allo stesso periodo del 2020 (-10,5%), mentre è aumentato il numero morti: 96. Un incremento del 18,5% rispetto alle 81 vittime dell’anno prima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 200 agricoltori morti in cinque anni, Parigi organizza una scuola guida di trattori.

AgriFoodToday è in caricamento