Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "pomodoro fiaschetto" che cresce nella riserva naturale di Torre Guaceto

A coltivarlo l'azienda Calemone. Che lo esporta in Svizzera e Francia, aggirando la grande distribuzione

 

Mario Di Latte e suo fratello Giuseppe alla fine degli anni 90, ereditano i terreni  di famiglia, presenti all’interno della riserva di Torre Guaceto, cosi nasce Calemone.  I genitori grazie a quei terreni producevano olio extravergine d’oliva, ricavato da alberi monumentali. Mario e Giuseppe continuano a produrre olio, ma ben presto si accorgono che è più conveniente occuparsi anche del confezionamento e della vendita. Da li a poco nasce la riserva di Torre Guaceto e colgono l’occasione per iniziare a coltivare biologicamente. Vengono inoltre invitati a far parte del progetto “L’oro del parco” e nel 2008 decidono di produrre il pomodoro tipico della zona, il fiaschetto. Sin dal primo raccolto Mario e Giuseppe intuiscono che per far decollare il progetto, non devono far altro che riportare l’esperienza vissuta con l’olio extravergine. Tanti sacrifici e dedizione, ma vincono la scommessa e vendono tutte le conserve realizzate. Aprono un e-commerce molto semplice e con una buona operazione di marketing il pomodoro fiaschetto di Torre Guaceto prodotto da Calemone si ritrova nel circuito di Eataly, raggiunge le Coop Svizzere e viene richiesto dalle pizzerie Gourmet in Italia e Francia. Mario ha sempre rifiutato le proposte della grande distribuzione e ha preferito custodire il suo gioiello, progettando anche confezionamenti sempre più ecologici e rispettosi per l’ambiente.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento