Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una capra, un'asina e l'università: ecco come nasce il formaggio della Fattoria di Germagnano

A Sansepolcro l’idea di un gruppo di giovani, su consiglio dell'Università di Pisa, di usare due tipi di latte per creare un nuovo prodotto caseario. Che sta conquistando il mercato.

 

Dall’idea di allevare asini nasce l’avventura di Filippo Pecorari, toscano, di Sansepolcro nella provincia d’Arezzo al confine con l’Umbria. La missione degli “Extravaganti”, cooperativa che lavora nella fattoria di Germagnano in una zona dell’Appennino chiamata “Alpe della Luna”, è di creare un formaggio particolare con il latte d’asina. 

“I costi eccessivi ci hanno costretto a varare un piano B, ed è così che grazie anche all’Università di Pisa abbiamo pensato di unire il latte d’asina con quello della capra”. L’azienda con questo prodotto unico è in continua crescita, affiancando nuovi progetti a scopo ristorativo e didattico. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento