Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra gli ulivi piantati dagli antichi Romani, dove l'olio si fa Storia

Viaggio a Nerola, dove Augusto Spagnoli porta avanti un'azienda giunta alla decima generazione

 

Tradizione, storia, e amore verso il proprio territorio. Ci troviamo a Nerola, in provincia di Roma. L’azienda di Augusto Spagnoli è una realtà agricola a conduzione famigliare ormai da dieci generazioni. Qui si possono trovare molti esemplari d’ulivo piantati in epoca romana, con duemila anni di storia.

L’amore verso i suoi ulivi e la dedizione con cui svolge il suo lavoro, ha portato Spagnoli a scegliere la produzione biologica per i suoi oli: “Produciamo dalle 20 alle 30 tonnellate di olio all’anno - spiega - ci rifacciamo al metodo tradizionale, ovvero alla raccolta manuale delle olive per la produzione dell’olio monovarietale, ovvero varietà per varietà”. 

Tra i progetti futuri quello della riconversione energetica della sua azienda con l’installazione di pannelli fotovoltaici, ma anche il desiderio di poter accostare alla produzione olivicola anche un piccolo agriturismo. E ovviamente non mancano suggerimenti su come gestire i fondi  Pac messi a disposizione dalla comunità europea: “Ottengono annualmente il contributo alla produzione ma non ho mai fato richiesta per progetti particolari . spiega Spagnoli -, e il motivo è molto semplice. Il sistema lo ritengo complesso, troppa burocrazia. La Regione dovrebbe avere un ruolo cardine in grado di guidare da una parte i produttori, dall’altra fruttare al meglio i fondi a disposizione e talvolta vengono addirittura restituiti, quando si potrebbero investire al meglio”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento