Brexit, De Castro: “Non siano gli agricoltori a pagare per il divorzio”

Il vicepresidente della commissione Agricoltura di Strasburgo: “Tema molto vsto che interessa il 40 per cento delle risorse comunitarie”

Bisogna evitare “che il buco che ci lasciano gli inglesi con la Brexit, questi 12 miliardi che mancano all'appello” nel prossimo bilancio comunitario “vengano fatti pagare dagli agricoltori”. Lo ha dichiarato Paolo De Castro, vicepresidente della commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo, a margine dell'incontro che si è tenuto a Bari nella sede di Confindustria, con gli imprenditori del settore agroalimentare.

La Politica agricola comune “è un tema molto più vasto che interessa il 40 per cento delle risorse dell'Ue, c'è anche in questo caso una proposta ma non c'è nessuna possibilità che questa proposta possa essere applicata in questa legislatura. Ovviamente noi in Parlamento ne stiamo discutendo e abbiamo già fatto varie riunioni", ha detto De Castro ai giornalisti. "Dubito anche che si possa arrivare a un voto in aula, probabilmente limiteremo l'efficacia di questa discussione in un voto in commissione Agricoltura. Passeremo la palla al prossimo Parlamento, alla prossima commissione, per il momento il grande dibattito è sulle prospettive finanziarie", ha spiegato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I prodotti integrali riducono fino a un quarto il rischio di mortalità

  • "Salvate gli squali dallo sterminio per produrre i vaccini per il Covid-19 e l'influenza"

  • L'innovazione agricola al servizio di clima e ambiente: da Bruxelles arrivano i fondi Life

  • Il 'Messi' dei piccioni viaggiatori venduto per la cifra record di 1,6 milioni di euro

  • Corte Ue sancisce la "libera circolazione" del cannabidiolo

  • Altro che vegani: in Ue la produzione da allevamenti cresce più del resto dell'agricoltura

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento