menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Brexit, De Castro: Il problema non sono i dazi ma la logistica

Il vicepresidente della commissione Agricoltura del Parlamento: “L'assenza di un'unione doganale determinerebbe rallentamenti alle frontiere”

Il Regno Unito ha avvertito che in caso di No Deal verranno introdotti dei dazi su alcune importazioni agroalimentari, per proteggere agricoltori e allevatori britannici. Ma non sarà quello il maggiore problema. "Il problema della Brexit non riguarda i dazi ma la logistica. L'assenza di un'unione doganale tra il Regno Unito e l'Europa determinerebbe il blocco totale: basti pensare che se si dovesse controllare tutta la merce in entrata dall'Ue – più di 10 mila camion in transito ogni giorno dal porto di Dover, 1 ogni 7 secondi - si creerebbe una coda da 150 miglia". Se ne è detto convinto Paolo De Castro, primo vicepresidente della commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, che ha incontrato a L'Informatore Agrario gli imprenditori dell'agroalimentare del Triveneto.

"Io credo che alla fine il Regno Unito farà un mezzo passo indietro, se non un passo indietro intero, e accetterà una forma di mercato unico, una custom union che eviterà l'imposizione di frontiere fisiche tra Regno Unito e Unione europea”, ha concluso l'eurodeputato del Pd.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento