“La burocrazia ruba fino a 100 giorni all'anno al lavoro in azienda”

La denuncia del presidente Coldiretti: “Frena con le inefficienze l'avvio di nuove attività e l'ingresso di giovani nell'attività di impresa”

La burocrazia è una dei principali nemici delle imprese italiane. “Ruba fino a 100 giorni all'anno al lavoro in azienda ma soprattutto frena con le inefficienze l'avvio di nuove attività e l'ingresso di giovani nell'attività di impresa di cui l'Italia ha enorme bisogno per tornare a crescere”. Lo ha denunciato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini ad un incontro sul un pacchetto di misure per la deburocratizzazione e per la Legge di Bilancio convocato dal vicepremier Luigi Di Maio.

Il peso della burocrazia nel nostro Paese è molto più elevato rispetto alla media dei Paesi dell'Unione Europea con l'ultima analisi di Eurobarometro della Commissione europea che evidenzia come, sottolinea la Coldiretti, la complessità delle procedure amministrative sia ritenuto un problema nell'attività dell'azienda dall'84% degli imprenditori in Italia, oltre venti punti superiore al 60% della media Ue. ''Siamo dunque di fronte - sottolinea Prandini - ad un vero spread per la competitività delle imprese italiane in Europa che va recuperato con la semplificazione e la sussidiarietà in una situazione in cui l'attività legislativa rimanda spesso a provvedimenti amministrativi che alimentano una tecnocrazia insopportabile”.

Lo snellimento delle procedure con la semplificazione, il dialogo tra le amministrazioni e l'informatizzazione è secondo Prandini, “insieme alla trasparenza dell'informazione ai consumatori il miglior investimento che può fare il Paese per sostenere la crescita''. “L'obbligo di indicare in etichetta l'origine degli alimenti è il nostro reddito di cittadinanza perché” sostiene Prandini, “offre ai consumatori la possibilità di fare scelte di acquisto consapevoli e consente alle imprese italiane di difendersi dalla concorrenza sleale dei prodotti importati dall'estero e spacciati come Made in Italy.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul piano organizzativo, continua il presidente della Coldiretti, “tagliare la burocrazia significa anche intervenire con una razionalizzazione dei sistemi fieristici in poli nazionali mentre all'estero serve una unica società di gestione della promozione sul modello francese della Sopexa per far crescere le esportazioni in una situazione in cui in alcuni settori come il vino il fatturato realizzato all'estero supera quello a livello nazionale''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I vostri pescatori in cambio dei nostri scafisti", si complica il caso dei pescherecci sequestrati in Libia

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • "Vietati in patria, ma venduti all'estero: Italia leader Ue per export di pesticidi tossici"

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento