Carne bovina, parte la campagna informativa per il consumo consapevole

Verrà messa in onda sulle reti Rai con il formato di "Lezioni di etichetta". “Vogliamo informare il consumatore sul valore della filiera zootecnica e bovina italiana e sull'importanza del consumo di carne in tutte le fasi della vita”

Informare il consumatore sui valori nutrizionali della carne bovina italiana, sull'importanza delle proteine animali nella dieta mediterranea e sul contributo della zootecnia alla tutela del territorio. Sono questi gli obiettivi della campagna di informazione "La stellina della carne bovina", lanciata da Assocarni, cofinanziata dal Mipaaft, presentata oggi a Roma e che verrà messa in onda sulle reti Rai con il formato di "Lezioni di etichetta". "Con questa campagna vogliamo informare il consumatore sul valore della filiera zootecnica e bovina italiana e sull'importanza del consumo di carne in tutte le fasi della vita", ha detto Francois Tomei, direttore generale di Assocarni, come riporta Askanews. “È anche un modo per contrastare le 'fake news' che in questi ultimi anni hanno messo la carne bovina al centro di un dibattito pubblico distorto da mezze verità o da vere e proprie false notizie", ha aggiunto Tomei. Elisabetta Bernardi, nutizionista e docente all'Università di Bari ha ricordato l'importanza del ruolo della carne e delle proteine animali all'interno di una dieta sana ed equilibrata.

“È essenziale in ogni fase della vita: dalla gravidanza, alla crescita dei bambini, fino alla terza età per mantenersi in forza e attivi". Quando si parla di carne, tutti pensano solo al contenuto di ferro, proteine e vitamina B12. "Pochi sanno che la carne contiene, tra i tanti elementi, lo zinco, importante per crescita e cicatrizzazione, il selenio, prezioso antiossidante, e la lisina, potente ricostituente del sistema immunitario". È inoltre importante ricordare che "100 gr di carne forniscono in media 22-25 gr di proteine ad alto valore biologico, poco più di un terzo del fabbisogno giornaliero", ha aggiunto Bernardi. Alla presentazione ha preso parte anche Pietro Gasparri, dirigente del Dipartimento Politiche competitive e qualità agroalimentare del ministero delle Politiche Agricole e del Turismo, che ha sottolineato come questa campagna "non è né comparativa, né contro qualcosa", ma "per aiutare il consumatore a fare scelte consapevoli".

Da parte sua, il direttore delle Relazioni Istituzionali della Rai, Fabrizio Ferragni, ha messo in luce come "per la prima volta, si sperimenti una pubblicità accessibile e inclusiva dedicata alle persone con disabilità, per favorire lo sviluppo di una società inclusiva, sussidiaria, equa, solidale e rispettosa delle diversità". Gli spot sono stati ideati e realizzati da Rai Pubblicità, con sottotitoli, lingua italiana dei segni e contributi audio dedicati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bruxelles vuole comprare terreni agricoli nel resto del Belgio per sfamare i suoi cittadini

  • Per i vegani le probabilità di fratturarsi le ossa sono più alte del 40 per cento

  • I prodotti integrali riducono fino a un quarto il rischio di mortalità

  • “Un anno dopo l’incidente dove morirono migliaia di pecore la Romania continua a violare le regole Ue”

  • Corte Ue sancisce la "libera circolazione" del cannabidiolo

  • "Le offerte sottocosto in tempo di Covid stanno facendo chiudere le aziende agricole"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento