"La 'carne' vegetariana è troppo salata, si rischia l'ipertensione"

Secondo uno studio australiano sarebbe un alimento solo 'apparentemente sano', ma il suo eccessivo consumo potrebbe portare a rischi per l'organismo

Sono le alternative vegetariane alla carne, ma potrebbero non essere poi molto più salutari dell'alimento che si prefiggono di sostituire. Gli hamburger, falafel, salsicce a base di tofu, soia e cereali, sempre più ricercati da vegetariani e vegani e le cui vendite nei supermercati di molti paesi segnano un picco di vendite, sarebbero troppo ricchi di sale, grassi e zuccheri.

Lo studio

A puntare il dito contro questi alimenti una ricerca ricerca commissionata dalla Heart Foundation e dal Dipartimento Sanità e condotta dal George Institute for Global Health di Melbourne, che ha analizzato un gran numero di prodotti alternativi alla carne. Secco il verdetto: molti sono sono carichi di sale aggiunto, il cui alto consumo è legato all'ipertensione. Dunque il loro consumo giornaliero potrebbero essere pericoloso per la salute. Fra gli esempi, 100 grammi di bacon senza carne contenevano circa 2 grammi di sale, un terzo del consumo giornaliero raccomandato, mentre una marca di tortini di finta carne conteneva metà del consumo raccomandato.

Bacon, falafel e salsicce di tofu

"Il più alto contenuto medio di sale - scrive la responsabile dello studio, la nutrizionista di salute pubblica Clare Farrand - è stato misurato nel bacon senza carne, seguito dai falafel e dalle salsicce a base di tofu ". I risultati dello studio sono problematici perché spesso gli alimenti alternativi alla carne sono pubblicizzati come di base vegetale, senza glutine o vegan - aggiunge la nutrizionista. "Molti di questi prodotti - afferma - appaiono più sani per effetto del marketing. Quando sappiamo che qualcosa è di base vegetale o con basso contenuto di un qualche ingrediente, abbiamo l'immagine che sia più sano, ma quello di cui non ci rendiamo conto sono i contenuti di sale, grasso o zucchero. E sappiamo che il sale è aggiunto per molte ragioni, e una delle principali è il gusto".

No agli alimenti lavorati

Lo studio indica che gli stili di vita vegetariani o vegani non sono necessariamente più sani, se includono alimenti lavorati. "Una dieta a base vegetale, di alimenti integrali come frutta, verdure, legumi, cereali o noci è ovviamente più sana -, conclude Farrand - ma con gli alimenti lavorati è importante guardare bene la tabella di informazioni sul retro del pacchetto, per capire davvero cosa contengono".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Nessuno tocchi i cinghiali, gli animalisti difendono quelli catturati nelle città italiane

  • Scoperto enzima che "pulisce" la carne. Riducendo gli sprechi alimentari

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • "Sfruttati spietatamente per confezionare carne", anche la Germania ha il suo caporalato

  • I visoni tifano Brexit, dopo il divorzio dall'Ue le pellicce saranno vietate nel Regno Unito

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento