Com'è cambiata la spesa con il coronavirus? Meno cibi freschi ma ridotti gli sprechi

Con la vita in quarantena gli italiani che hanno iniziato a utilizzare di più gli avanzi del giorno prima. Ma potendo uscire di meno si tende a comprare più prodotti a lunga conservazione

Foto Ansa EPA/CRISTOBAL HERRERA

Meno spreco di cibo ma anche meno cibi freschi. Più tempo in cucina e attenzione ai prezzi. Così cambia la spesa ai tempi dell'emergenza sanitaria.

Il sondaggio

La fotografia è di Altroconsumo che ha condotto un'indagine statistica, riportata in un articolo sul sito dell'associazione, su come sono cambiate le abitudini alimentari degli italiani. Da un sondaggio condotto tra oltre mille cittadini tra i 18 e i 74 anni, distribuiti come la popolazione generale per genere, età, livello di istruzione e area geografica, è emerso che il 41% butta meno cibo rispetto a prima dell'emergenza Covid-19. Aumentano anche le corrette abitudini contro lo spreco alimentare come pianificare i pasti e fare una lista prima della spesa (il 39% lo fa più spesso per entrambe le voci) e riutilizzare in cucina di più gli avanzi (33%). Inoltre, stando all'indagine, cuciniamo di più (49%) e mangiamo anche di più (35%). Crollano gli ordini a domicilio, rispetto a prima dell'emergenza: il 40% degli intervistati ne fa di meno, il 16% che ne fa di più.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più attenzione ai prezzi

Cresce, poi, l'attenzione ai prezzi (il 34% ci fa più caso rispetto a prima), dovuta alla crisi economica che sta colpendo purtroppo tutti. E nel carrello cosa ci finisce? Il 30% compra meno cibi freschi (frutta, verdura, carne, pesce...) rispetto a prima (il 19%, invece, che lo fa di più). Aumentano quindi gli acquisti di surgelati e degli alimenti in scatola (circa il 30%). Quanto a snack dolci e salati, il 25% ne compra meno, mentre un 22% ne compra più di prima. Dove si fa la spesa? Un 25-30% si rivolge più di prima all'online o ai piccoli negozi di quartiere; il 50% fa meno la spesa al supermercato rispetto a prima, ma c'è anche un 44% che ha mantenuto la stessa frequenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento