menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 EPA/ANDY RAIN

EPA/ANDY RAIN

Salumi e hamburger vegetariani nel mirino: "Alcuni sono più salati dell’acqua di mare"

Salinità record rilevata su alcuni prodotti alternativi alla carne come il macinato o il bacon "veggie"

Cercare di seguire una dieta con meno carne di quella che si segue abitualmente è un consiglio che si sente ripetere spesso da nutrizionisti ed esperti di alimentazione preoccupati per i rischi alla salute legati al consumo eccessivo di bistecche, salumi e panini dei fast-food. Ma dietro alle opzioni alternative ai tradizionali hamburger o pancetta, ottenuti da carni suine o bovine, si nasconderebbero alcuni prodotti ancora meno salutari di quelli tradizionali. È quanto emerge dalla ricerca di un gruppo di esperti che hanno sfatato molti miti sulle alternative vegetariane o vegane a insaccati e carne macinata. Due prodotti alternativi al prosciutto affumicato e alla pancetta contengono addirittura più sale dell’acqua marina.

La ricerca pubblicata da Action on salt, gruppo di esperti preoccupati per il consumo eccessivo di sale, rivela che gli hamburger senza carne sono in media più salati di quelli classici: 0,75 grammi per questi ultimi contro 0,89 grammi per porzione di hamburger “veggie”. Lo studio su 157 prodotti in vendita nelle più grandi catene di supermercati del Regno Unito hanno reso pubblici risultati inquietanti circa la quantità di sale contenuta in molti prodotti, spesso superiore il quantitativo giornaliero di cui se ne consiglia il consumo.

Un quinto dei cibi analizzati non avrebbe inoltre alcuna indicazione colorata in etichetta per avvertire il consumatore dell’eccessiva presenza di sale rispetto alle dosi raccomandate. “L’industria del cibo ormai garantisce la presenza di molti prodotti alternativi alla carne, ma ora si dove fare di più per assicurarsi che tali alternative contengano molto meno sale, per lo meno che ne contengano in misura inferiore rispetto ai loro equivalenti ottenuti dalla carne” ha dichiarato Mhairi Brown, nutrizionista di Action on salt. Ridurre il consumo di sale, come spiegano gli esperti, è il modo più efficace per abbassare il rischio di malattie cardiovascolari e ictus.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento