menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ansa MATTEO BAZZI

Ansa MATTEO BAZZI

L'Ue mette un limite alla quantità di grassi trans negli alimenti

La socialista Van Brempt: “Aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, infertilità, Alzheimer, diabete e obesità”

Il Consiglio dell'Ue ha deciso di introdurre un limite legale all'uso degli acidi grassi trans negli alimenti prodotti a livello industriale, un intervento già richiesto dal Parlamento europeo due anni fa. La Commissione propone un massimo di 2 grammi ogni 100 negli alimenti destinati al consumatore finale.

“Le evidenze mostrano che gli acidi grassi trans aumentano il rischio di malattie cardiovascolari, infertilità, Alzheimer, diabete e obesità, specialmente in gruppi di popolazione vulnerabili come famiglie a basso reddito e studenti”, ha dichiarato la socialista Kathleen Van Brempt ricordando che “una valutazione approfondita dell'impatto, condotta dalla Commissione, ha concluso che la misura più efficace per limitare l'assunzione di grassi trans deve comportare un limite legale a livello Ue”.

Per Miriam Dalli, anche lei del gruppo S&D, “è positivo che la maggioranza degli Stati membri abbia sostenuto la proposta della Commissione”, in quanto “si tratta di una battaglia necessaria per proteggere la salute dei consumatori e promuovere opzioni alimentari più salutari per tutti gli europei, in modo particolare perché le assunzioni di acidi grassi trans dovrebbero essere le più basse possibili al fine di evitare rischi per la salute”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento