Petizione contro la crudeltà nei macelli, firmano in 120mila

Campagna lanciata da Animal Equality che si rivolge al governo denunciando “mancanza di conseguenze penali concrete per chi infrange la legge e totale assenza di controlli”

Sono centinaia di migliaia i cittadini italiani che hanno chiesto "la fine delle crudeltà e delle illegalità nei macelli italiani", e sollecitato "una riforma legislativa definitiva" al riguardo. Lo hanno fatto sottoscrivendo la petizione di Animal Equality rivolta ai ministri della Salute e dell'Agricoltura che in poco tempo ha raggiunto le 120mila firme. Lo afferma l'organizzazione internazionale dedicata alla protezione degli animali allevati a scopo alimentare, che dall'inizio di quest'anno ha diffuso video e testimonianze che mostrano quello che avviene all'interno di molti macelli italiani. Nell'ultimo video, spiega Animal Equality, ci sono "operatori che maltrattano gli animali spingendoli e tirandoli con violenza, operatori che colpiscono i bovini in testa con una forca e una spranga, animali bendati in maniera inadeguata e terrorizzati, animali macellati senza stordimento efficace, animali sgozzati ancora coscienti e lasciati ad agonizzare per interi minuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La campagna sui macelli, supportata da testimonianze ottenute tramite investigazioni e la collaborazione con informatori esterni all'organizzazione, "mette in luce ancora una volta i gravissimi buchi normativi, la mancanza di conseguenze penali concrete per chi infrange la legge e la totale assenza di controlli severi all'interno dei macelli". Molti paesi europei, spiega Matteo Cupi, direttore esecutivo di Animal Equality Italia, hanno "cancellato le deroghe per la macellazione religiosa, come Austria e Danimarca, o introdotto telecamere a circuito chiuso, come avviene in Gran Bretagna e in via sperimentale anche in Francia. Anche i politici italiani hanno il dovere di far applicare le norme e di migliorare l'impianto legislativo che regola la macellazione, che avviene in luoghi a porte chiuse all'interno dei quali, al momento, non si sa davvero se le leggi italiane vengano rispettate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La caccia al cinghiale favorisce la peste suina", animalisti contro il piano del governo

  • L'Ue "salva" il vino bulgaro, Italia protesta: "Copia i nostri Doc di lusso"

  • Un milione di persone si impegnano a partecipare al 'gennaio vegano' di Phoenix e McCartney

  • Cannabis, Parlamento Ue innalza limite legale di Thc. Festeggia il comparto della canapa industriale

  • Carne, latte e legna gratis, così la Nuova Zelanda senza stagionali prova ad attirare allevatori locali

  • Dall'acqua allo spazio: nelle serre si coltiva il futuro dell'agricoltura (sull'esempio olandese)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento