Ue propone limiti per grassi trans in margarina e alimenti: "Provocano malattie cardiache"

Secondo i calcoli dell’Oms ogni anno 500mila persone perderebbero la vita a causa di malattie legate al consumo eccessivo di questi composti

Foto Ansa EPA/MARCO DE SWART

La Commissione intende ridurre le quantità di acidi grassi trans presenti in vari cibi. È quanto emerge da una bozza di regolamento del commissario per la Salute Vytenis Andriukaitis, che sottolinea che “per molti anni gli studi scientifici hanno dimostrato che un’assunzione elevata di grassi trans aumenta, senz’ombra di dubbio, il rischio di malattie cardiache”. Il commissario lituano si riferisce ai grassi non animali prodotti durante l’idrogenazione e utilizzati in alimenti come la margarina.  “Con la proposta di regolamento — spiega Andriukaitis — la Commissione intende intervenire sulla questione”. Presentando l’apertura di una consultazione sui limiti proposti, il commissario fa sapere di aspettarsi il “contributo costruttivo” offerto dai feedback, “in modo che il regolamento possa essere adottato al più presto a beneficio della salute dei nostri cittadini”. La consultazione terminerà il prossimo 1 novembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La soglia massima

La bozza prevede una soglia massima di 2 grammi di acidi grassi trans ogni 100 grammi di grassi contenuti nei prodotti in vendita per il consumo alimentare. Qualora questa versione del regolamento venisse approvata, l’industria alimentare avrà ancora qualche anno di tempo. Il cibo non conforme con questi standard “potrà restare in commercio fino al 1 aprile 2021”, recita infatti il secondo articolo del regolamento. Come evidenziato recentemente anche dall’Organizzazione mondiale della salute  (Oms), l'assunzione alimentare di acidi grassi trans andrebbe ridotta il più possibile al fine di evitare rischi di malattie cardiovascolari. Secondo i calcoli dell’Oms, ogni anno 500mila persone perderebbero la vita a causa delle malattie legate al consumo eccessivo di grassi trans. Nonostante gli avvertimenti, in alcuni Paesi dell'Europa centrale e meridionale i livelli di grassi trans in prodotti confezionati quali biscotti, torte e wafer non sono diminuiti significativamente dall’inizio degli anni 2000.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

  • L'Italia e altri sei Paesi Ue fanno blocco contro il Nutriscore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento