rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Salute

Il “caffè del sesso”, la bevanda ritenuta un potente afrodisiaco. Tra leggenda e realtà

Spopola sul web una ricetta che combina l'espresso con cacao, miele, latte di cocco e polvere di maca, un energizzante derivato da un tubero andino. Tutti insieme favorirebbero l'erezione

Siete alla ricerca di un potente afrodisiaco? Potrebbe bastare un caffè, anche se un caffè ”corretto" grazie a una ricetta speciale, che lo renderebbe molto più efficace di altre soluzioni naturali come ostriche, aragoste o peperoncino. La ricetta prevede come ingredienti: polvere di cacao crudo, due cucchiai di latte di cocco, un cucchiaio di miele, mezzo cucchiaino di cannella e un cucchiaino di polvere di maca. Lo chiamano ormai “Caffè del sesso” e negli Stati Uniti starebbe spopolando sul web, in particolare sulla piattaforma Tik Tok, dove auto-dichiaratisi esperti di performance amorose diffondono questa ricetta.

Il segreto della polvere di maca

La “new entry” tra gli alimenti afrodisiaci sarebbe proprio la polvere di maca. Originario del Sud America, la maca è un tubero simile alle rape, che trasformato in polvere diventa un integratore naturale. Grazie a un cocktail di oligo-elementi e minerali, come zinco, selenio, vitamina B9, iodio e potassio, è considerato un energizzante. Allo stato naturale, si tratta di una pianta che cresce solo nelle Ande del Perù, a oltre 3.500 metri di altitudine. I peruviani avrebbero a lungo rivendicato le sue proprietà afrodisiache, grazie alla capacità di aumentare i livelli di testosterone. Una leggenda, non verificata scientificamente, sostiene addirittura che la polvere di maca migliori la fertilità, aumentando la qualità dello sperma.

Caffè: una bomba per le performance a letto?

Al di là della ricetta “migliorativa”, il caffè sarebbe già da solo un ottimo ingrediente per migliorare le prestazioni in camera a letto (o ovumque si preferisca fare sesso). Già nel 2015, uno studio di ricercatori dell'Università del Texas indicava che due o tre tazze al giorno renderebbero gli uomini più performanti. L'esperimento, effettuato sui ratti, stabiliva che il consumo di 85-170 milligrammi di caffeina porterebbe a una riduzione del 42% del rischio di avere una disfunzione erettile. Tuttavia, bisogna fare attenzione a non esagerare, e il rischio scende al 39% se si consuma tra 171 e 303 milligrammi di caffeina. Per le donne, l'effetto afrodisiaco passerebbe da altre vie, stimolando il cervello, tramite un segnale di eccitazione. Il binomio “caffè-sesso” è rivendicato apertamente da alcuni produttori di caffè, soprattutto a Napoli, dove il consumo dell'espresso fa parte di una lunga tradizione. Un marchio partenopeo, ad esempio, parla di “caffè come viagra”, attribuendogli una capacità quasi medica. Nonostante l'entusiasmo intorno alla bevanda, l'effetto è da verificare con maggiore attenzione. Alcuni andrologi sostengono infatti che il caffè, essendo un vasocostrittore, non sia poi tanto amico delle capacità di erezione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il “caffè del sesso”, la bevanda ritenuta un potente afrodisiaco. Tra leggenda e realtà

AgriFoodToday è in caricamento