Mercoledì, 4 Agosto 2021
Salute

Lo scandalo glifosato costa caro alla Bayer, l'azienda chiude il 2020 in rosso di 10,5 miliardi

Le cause contro il colosso chimico-farmaceutico insieme alla crisi del coronavirus, hanno assestato un colpo molto forte all'azienda

Lo scandalo del glifosato, con migliaia di cause intentante negli Stati Uniti d'America, da parte di cittadini che affermavano di essersi ammalati a causa della sostanza contenuta nell'erbicida di Monsanto Roundup, è costato caro alla Bayer. Il colosso chimico-farmaceutico tedesco Bayer ha chiuso il 2020 in rosso di 10,5 miliardi di euro, contro un utile di 4,1 miliardi nel 2019.

I ricavi restano stabili a 41,4 miliardi, grazie alla forte domanda di prodotti per la salute e per l'igiene, legata ai lockdown. Sui conti pesano gli effetti valutari negativi e i maxi-risarcimenti versati negli Usa per chiudere le vertenze legate all'erbicida. Il titolo di Bayer al Dax perde il 3,9%. Lo scorso giugno il gruppo aveva accantonato 11 miliardi di dollari per risolvere un'ondata di cause legali negli Usa contro il suo diserbante Roundup. Il principale ingrediente dell'erbicida è il glifosato che, secondo Bayer è sicuro, mentre secondo altre ricerche potrebbe causare il cancro.

Anche il coronavirus ha avuto le sue ripercussioni, con la domanda di prodotti farmaceutici in calo poiché la pandemia ha portato a un rinvio dei trattamenti non urgenti, ha detto la società con sede vicino a Colonia. L'impatto negativo è stato compensato, tuttavia, da un aumento delle vendite del fluidificante del sangue Xarelto, visto che gli anticoagulanti sono emersi come trattamento chiave per Covid-19. Altrove, la divisione salute dei consumatori da banco di Bayer ha visto aumentare i ricavi di oltre il 5%. "La maggiore attenzione alla salute e alla prevenzione in relazione alla pandemia COVID-19 ha generato una crescita sostanziale della domanda" in tutte le regioni, ha affermato Bayer, in particolare per i prodotti nutrizionali e digestivi.

L'azienda tedesca, che nel 2018 ha comprato l'americana Monsanto, la produttrice del Roundup, ha fornito un aggiornamento dei suoi problemi legali legati all'erbicida, sostenendo di aver risolto circa 90mila cause. Il gruppo all'inizio di questo mese ha rivisto parte del pacchetto di risoluzione che copre il futuro contenzioso Roundup dopo che un giudice californiano ha bloccato la proposta iniziale. La società è ancora in attesa dell'approvazione del Tribunale per un'offerta rialzata a 2 miliardi di dollari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo scandalo glifosato costa caro alla Bayer, l'azienda chiude il 2020 in rosso di 10,5 miliardi

AgriFoodToday è in caricamento