"Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

Il Governo tedesco interviene per mettere un freno alle imprese subappaltatrici negli impianti di macellazione. Condizioni di lavoro precarie e insicure avrebbero favorito il contagio, arrivato a livelli d'allerta in Baviera

Il Governo tedesco ha annunciato una serie di riforme del settore della lavorazione della carne, tra cui il divieto di affidare incarichi a ditte in subappalto e multe di 30mila euro per le società che violano le normative sul lavoro. Il giro di vite arriva in seguito alla scoperta di numerosi casi di coronavirus nei centri di macellazione del Paese.

Nuovi casi accertati

Numerosi impianti di lavorazione dei capi abbattuti sono stati temporaneamente chiusi dopo che centinaia di lavoratori sono risultati positivi al Covid-19 nelle ultime settimane. Solo negli ultimi sette giorni, oltre 90 lavoratori si sono ammalati in uno stabilimento di Dissen, nella Bassa Sassonia. A seguito di un focolaio in uno stabilimento di Coesfeld, dove oltre 270 su 1.200 lavoratori sono risultati positivi, lo stato del Nord Reno-Westfalia ha annunciato tamponi a tappeto per tutti i dipendenti. Un focolaio in una fabbrica in Baviera nel distretto di Straubing-Bogen ha raggiunto il livello di emergenza fissato in 50 casi per 100mila residenti. Le regioni tedesche che superano tale rapporto sono autorizzate a imporre nuovamente il confinamento.

Le reazioni

“I focolai di coronavirus non ci hanno affatto sorpreso”, ha dichiarato Jonas Bohl, dell'Unione tedesca per i prodotti alimentari. “Piuttosto la sorpresa è stata che hanno impiegato un po' di tempo per emergere”. Le persone non solo lavorano a stretto contatto, ma soprattutto passano l’intera giornata in spazi molto ristretti dove non c'è possibilità di mantenere le distanze. Come in Irlanda, Regno Unito e Stati Uniti, gli impianti di macellazione in Germania sono finiti nel mirino con l’accusa di non aver adeguatamente protetto i propri lavoratori. Hubertus Heil, ministro tedesco del Lavoro, ha affermato che l'alto numero di infezioni ha dimostrato che misure di sicurezza sono “urgentemente necessarie” nella filiera della carne. Questa settimana il Governo ha annunciato una serie di nuove misure per aumentare la protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori e riformare il sistema del lavoro in subappalto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La filiera della carne in Germania

Su circa 90mila dipendenti impiegati dalle principali imprese di trasformazione della carne in Germania, oltre il 60% sono assunti tramite imprese intermediarie. Dal 2021 sarà vietato l'uso di subappaltatori e le grandi imprese di trasformazione della carne potranno impiegare solo i lavoratori che assumono direttamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Focolai di Covid-19 negli allevamenti in Olanda: migliaia di visoni abbattuti

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • La Lega accusa il M5s: "Vuole una tassa Ue sulla 'nduja". La replica: "Tutto falso"

  • "Gli italiani mangiano troppo pesce", il Wwf lancia guida per un consumo responsabile

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento