menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ricciardi favorevole al Nutriscore? Governo chiarisca"

Hanno suscitato polemiche l'endorsement del consulente del ministro della Salute, che si è detto favorevole all'etichetta a semaforo contro cui si sta battendo buona parte dell'agroalimentare italiano. FdI: "Si dimetta"

Circa 300 scienziati di tutto Europa hanno firmato un documento-appello all'Ue affinché adotti l'etichetta Nutriscore per gli alimenti. Tra questi, anche 20 docenti italiani, chiaramente non in linea con la battaglia che stanno conducendo da qualche anno a Bruxelles i diversi governi del Belpaese sotto la pressione di gran parte dell'agroalimentare made in Italy, che vede nel Nutriscore un rischio per l'export. La posizione dei 20 scienziati tricolore pro-etichetta a semaforo sarebbe passata inosservata, forse, se non fosse stato per una delle firme apposte, quella di Walter Ricciardi, professore dell'Università Cattolica, e, sopratturro, consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.

"Si dimetta", attacca il capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo, Carlo Fidanza: "Il Nutriscore è un sistema che penalizza il nostro made in Italy e che danneggia la nostra salute, in quanto molto lontano da quella dieta mediterranea riconosciuta dalla scienza come la più salutare. Ricordo a Ricciardi che il governo italiano ha aderito al Nutrinform (sistema alternativo al Nutriscore, ndr) sul quale lui oggi ha pubblicamente espresso perplessità, per questo chiediamo le sue dimissioni".

Meno netta, ma comunque critica la posizione di Confagricoltura: “Chiediamo al governo una presa di posizione sulla questione del Nutriscore come sistema di etichettatura europea a fini nutrizionali. La posizione assunta dal professor Ricciardi rischia di creare una situazione di incertezza che va subito eliminata”, dice il presidente Massimiliano Giansanti.“Tutte le opinioni personali sono rispettabili – sottolinea Giansanti – ma la prudenza dovrebbe essere d’obbligo quando si riveste la carica di consigliere del ministro della Salute”, conclude. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento