rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Salute

Pomodoro egiziano contaminato da pesticidi: sequestro da 1 milione di euro in Campania

Un altro scandalo colpisce il comparto delle passate made in Italy: 821 tonnellate sequestrate

Ben 821 tonnellate di pomodori provenienti dall'Egitto che contenevano pesticidi ben oltre i limiti consentiti. E che farebbero parte di una partita più ampia che è già stata commercializzata nell'Ue e in altri Paesi. E' quanto hanno scoperto i carabinieri del reparto Tutela Agroalimentare (Rac) di Salerno in un'azienda leader nel settore conserviero dell'agro nocerino sarnese. 

L'inchiesta, denominata "Scarlatto Due", e coordinata dalla procura di Nocera Inferiore, ha portato al sequestro di una quantità di semilavorato di pomodoro dal valore di circa un milione di euro destinato all'estero, Germania e Maldive in particolare. Secondo gli inquirenti, gli elementi indiziari acquisiti e i riscontri sul campo lasciano ritenere che il materiale alimentare sequestrato sia "largamente interessato dalla contaminazione di pesticidi, presenti in misura maggiore a quanto normativamente consentito, sussistendo così il concreto rischio di nocività per la salute umana", viene spiegato in una nota.

La merce, in attesa di essere lavorata e confezionata, era stoccata in fusti metallici da 250 chilogrammi di prodotto in media ognuno, e sarebbe stata commercializzata come doppio o triplo concentrato di pomodoro. I campioni del prodotto sono stati inviati in laboratori specializzati per eseguire le analisi. Denunciati sia per frode in commercio che per commercio di sostanze nocive i due titolari dell'azienda.

L'inchiesta di Salerno arriva a poche settimane dallo scandalo che ha colpito una delle aziende italiane più famose, accusata dalla Procura di Livorno di vendere prodotti a base di pomodoro con il marchio made in Italy quando in realtà contenevano pomodori provenienti da Paesi extra-Ue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomodoro egiziano contaminato da pesticidi: sequestro da 1 milione di euro in Campania

AgriFoodToday è in caricamento