rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
vinitaly

Tutto quello che c'è da sapere sulla professione di bartender e l'arte della Mixology

Bartender e Mixology sono, rispettivamente, un mestiere e un'arte che, negli ultimi anni, hanno riscosso un gran successo. Cosa c'è da sapere

Quella del bartender è una professione che negli ultimi anni ha riscosso molto successo; colui che la esercita deve dimostrarsi eclettico e preparato, in grado di occuparsi dell’arte della miscelazione e della preparazione dei cocktail in maniera veloce ed efficace.
Data la rapidità di esecuzione, il bartender è particolarmente indicato per gestire le situazioni e gli ambienti in cui si ha una sostanziosa affluenza di gente, come discoteche e pub.
Oltre che come dipendente, è una figura professionale che può spendersi nella consulenza, nel catering e durante gli eventi.

Di cosa si occupa un sommelier? Non solo consigli sul miglior vino da abbinare alla cena

Bartender: un lavoro gratificante ma complesso

Sicuramente, quello del bartender è un lavoro che esercita grande fascino, ma non bisogna sottovalutarne la complessità.
Per prima cosa, non ci si può improvvisare bartender, ma è necessario seguire dei seri corsi di formazione, sia per apprendere le conoscenze necessarie ad esercitare, che per imparare alcuni trucchi del mestiere.
Infatti, oltre alla capacità tecnica, il bartender deve disporre di caratteristiche sociali che facilitino la relazione con la clientela; da non dimenticare, poi, che si tratta di un mestiere in continua evoluzione e che, quindi, è fondamentale seguire un aggiornamento continuo per rimanere al passo con i trend del momento.
Questa figura professionale, inoltre, deve essere in grado di saper manipolare la materia prima con cui lavora, facendo sì che le preparazioni realizzate ne esaltino le qualità organolettiche.
Il tutto, ovviamente, evitando gli sprechi e interfacciandosi con il proprio team per gestire le tempistiche del servizio.
Le cose da fare e da imparare sono numerose; alla base, quindi, ci devono essere molta passione e la voglia di mettersi in gioco.

Bartender: le diverse specializzazioni

A seconda delle competenze acquisite, il ruolo del bartender può essere declinato in diversi modi.

- il professional bartender, ad esempio, è il classico professionista che lavora principalmente in discoteca, le cui caratteristiche principali sono rapidità e precisione.

- il flair bartender, che indica il professionista in grado di realizzare cocktail impiegando movimenti precisi, acrobatici e spettacolari.

- Il mixologist che è, praticamente, un bartender con una maggior preparazione. Grazie alle competenze acquisite, è in grado di effettuare l’analisi organolettica delle bevande e di replicare i cocktail e i long drink più noti. Non solo; la sua abilità, unita alla conoscenza delle materie prime e delle tecniche di realizzazione è talmente elevata da metterlo in condizione di creare ricette proprie. È, quindi, un maestro di miscelazione avanzata (o Mixology).

A questo punto, è lecito domandarsi di cosa si parli quando si nomina la Mixology.

Mixology: di cosa si tratta

La Mixology può essere definita come ‘l’arte del bere miscelato’.
È attraverso quest’arte, infatti, che vengono creati cocktail anche sperimentali, miscelando alcolici e bevande, a integrazione di vino o distillati. La sua buona riuscita si fonda sul perfetto equilibrio tra tutti gli ingredienti impiegati.
Per ottenere ciò, è importante che chi la opera abbia eccellenti conoscenze in merito alla storia, alle tecniche e ai prodotti da utilizzare per realizzare cocktail e drink.

Il mixologist, quindi, deve lavorare prestando attenzione al fatto che sia tutto bilanciato, per poter testare e offrire combinazioni nuove, originali, ma piacevoli al palato, in grado di offrire esperienze sensoriali uniche.
Studio di tecniche raffinate, tradizionali e innovative, elevata conoscenza di alcolici e distillati rendono questi professionisti dei veri e propri artisti della sperimentazione del gusto.

Negli ultimi anni, l’arte della miscelazione di bevande alcoliche, in cui trova spazio anche il vino, ha affascinato i bartender di tutto il mondo, unitamente ai professionisti impegnati nella ricerca del bilanciamento dei sapori, facendo crescere l’interesse per il comparto più vivace della cultura del bere con gusto.

Vinitaly dedica un’area a Mixology

Vinitaly ha dedicato particolare attenzione al fenomeno della Mixology, che sta suscitando notevole interesse nell’ambiente. Per questo, per la sua 54ª edizione, è stata realizzata una speciale area tematica, dove presenzieranno produttori specializzati in prodotti legati al mondo del cocktail (Padiglione I).

Al via la 54ª edizione di Vinitaly, il più importante evento internazionale dedicato al vino

Dal 10 al 13 Aprile 2022, durante i quattro giorni di fiera, i professionisti del settore potranno partecipare ad una o più delle 14 masterclass tenute da bartender di tendenza, a speech dedicati alla storia dei prodotti e a laboratori di alto livello per la creazione di nuovi cocktail a base di vini, liquori e distillati.

Inoltre, per restare in tema, mercoledì 13 aprile alle ore 12:00 l'Area Mixology ospiterà il concorso regionale AIBES Ven eto e Trentino Alto Adige.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto quello che c'è da sapere sulla professione di bartender e l'arte della Mixology

AgriFoodToday è in caricamento