Agricoltura, Comitato regioni Ue: più tutele per produttori vittime di concorrenza sleale

I rappresentanri degli enti locali chiedono “misure complementari in materia di trasparenza dei prezzi, lotta contro l’eccessiva concentrazione della distribuzione, dell’agroalimentare e della fornitura di fattori produttivi"

I produttori che subiscono gli effetti di pratiche commerciali sleali devono essere dotati di strumenti di protezione più forti ed efficaci. A chiederlo il Comitato delle regioni europeo (Cor), in una serie di raccomandazioni approvate in occasione dell’ultima sessione plenaria.

I rappresentanti degli Enti locali accolgono con favore l’iniziativa dell’esecutivo comunitario per una legislazione europea volta a contrastare le pratiche commerciali sleali, ma allo stesso tempo, sottolinea il relatore del testo, il francese Jacques Blanc (Ppe), si chiedono “misure complementari in materia di trasparenza dei prezzi, lotta contro l’eccessiva concentrazione della distribuzione, dell’agroalimentare e della fornitura di fattori produttivi per l’agricoltura”. Ancora, si invita l’Ue a “sviluppare relazioni commerciali internazionali più eque nel settore agricolo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli olandesi non fanno sconti sulla Brexit, ai britannici in ingresso sequestrati anche i panini

  • Via libera Ue al consumo di vermi della farina, è il primo insetto approvato

  • Dagli allevamenti sostenibili all'agroecologia, ecco le pratiche che saranno sostenute dalla Pac

  • Parigi difende la 'francesità' del Carrefour dall'acquisizione straniera: sovranità alimentare in gioco

  • Bufera sulla sottosegretaria alla Pesca britannica: "Non ho letto l'accordo Brexit, facevo il presepe"

  • Non si ferma l'invasione delle locuste, in Africa adesso a rischio ben sette Paesi

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento