Record dell'export agroalimentare made in Italy. Anche grazie alla Germania

Coldiretti traccia il bilancio del 2018 concluso sulla base dei dati definitivi dell'Istat

"Mai così tanto cibo e vino italiano sono stati consumati sulle tavole mondiali con il record storico per le esportazioni agroalimentari Made in Italy che nel 2018 hanno raggiunto per la prima volta il valore di 41,8 miliardi di euro grazie all'aumento dell'1,8%". E' la Coldiretti a tracciare il bilancio dell'anno appena concluso sulla base dei dati definitivi dell'Istat. Un risultato positivo, sottolinea la Coldiretti, "anche se il tasso di crescita si è ridotto a circa un quarto di quello del 2017 quando si è registrato un aumento del 7%

Quasi i due terzi delle esportazioni agroalimentari interessano i Paesi dell'Ue dove il principale partner è la Germania mentre fuori dai confini comunitari sono gli Stati Uniti il mercato di riferimento dell'italian food. A spingere la crescita sono i prodotti base della dieta mediterranea a partire dal vino che è il prodotto italiano piu' esportato e fa segnare un aumento del 3% in valore ma la vera star è la categoria degli spumanti che balzano del 13% e raggiungono un valore delle vendite all'estero superiore a 1,5 miliardi durante l'anno".

A seguire, continua la Coldiretti, "l'ortofrutta fresca che in valore fa segnare però una leggera frenata del 4%, mentre buone performance vedono protagonisti i salumi, i formaggi con un incremento del 3% in valore e la pasta che aumenta del 2% sulla base delle proiezioni su dati Istat relative ai primi dieci mesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allarme listeriosi in Europa: “Sequestrate 17 tonnellate di cibo infetto in Spagna”

  • Il basilico più verde e aromatico? Cresce sotto al mare

  • Nelle mense scolastiche si spreca il 30% di cibo

  • "Banane più care per colpa di un fungo"

  • Maiali esteri per salumi Dop italiani, basterà un'etichetta a fermare le frodi?

  • La Commissione lancia un osservatorio del mercato vitivinicolo

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento