Aviaria, dall'Ue 11 milioni all'Italia

Stanziamento per aiutare i mercati delle uova da cova e da consumo e delle carni di pollame gravemente colpiti dalla malattia tra il 2016 e il 2017

Poco più di 11 milioni di euro all'Italia per sostenere i settori colpiti dall'aviaria. E' quanto ha stanziato la Commissione europea per aiutare i mercati delle uova da cova e da consumo e delle carni di pollame gravemente colpiti dai 43 focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità rilevati tra il 30 aprile 2016 e il 28 settembre 2017.

Il regolamento, varato ieri da Bruxelles, è da oggi in vigore, e fissa tutte le condizioni per la concessione del contributo. In base alla normativa europea infatti, l'Unione partecipa nella misura del 50 % al finanziamento delle spese sostenute a livello nazionale per far fronte alle conseguenze negative subite dal mercato avicolo causa l'influenza aviaria. Numerose Regioni italiane sono interessate, in particolare i grandi allevamenti nel Nord e centro Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli olandesi non fanno sconti sulla Brexit, ai britannici in ingresso sequestrati anche i panini

  • Via libera Ue al consumo di vermi della farina, è il primo insetto approvato

  • Combattere l'obesità con il wireless. Una segnale speciale riduce l'appetito

  • Bufera sulla sottosegretaria alla Pesca britannica: "Non ho letto l'accordo Brexit, facevo il presepe"

  • Non si ferma l'invasione delle locuste, in Africa adesso a rischio ben sette Paesi

  • Al via il progetto di 'rigenerazione sostenibile' delle zone della Puglia colpite dalla Xylella

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento