Ceta, Centinaio 'blocca' lo stop del M5s: "Aziende dicono sta andando bene"

Il ministro dell'Agricoltura non chiude alla ratifica da parte dell'Italia all'accordo di libero scambio tra Ue e Canada. Un tema che potrebbe aprire un fronte di scontro interno alla maggioranza

E' uno dei punti su cui M5s e Lega concordano, almeno finora: il Ceta, il trattato di libero scambio tra Ue e Canada non va ratificato dall'Italia. Eppure, il ministro dell'Agricoltura, il leghista Gian Marco Centinaio, fino a pochi mesi fa tra i maggiori anti-Ceta della maggioranza, non ne sembra più cosi' sicuro: "Stiamo vedendo come va con i consorzi (del settore agricolo, ndr), è sperimentale e alcune aziende ci stanno dicendo sta andando bene", ha detto a margine di un incontro di Milano Agrifood & Travel Global Summit.

La ratifca dell'accordo da parte dell'Italia è ferma da mesi al Parlamento. Lo scorso giugno, Centinaio aveva annunciato che il governo avrebbe chiesto ai deputati della maggioranza di bocciare il Ceta, ma adesso le cose sembrano poter cambiare: "Vogliamo vedere prima come va - ha spiegato - e non portiamo la votazione del Ceta in Parlamento, perché prima vogliamo confrontarci con chi ne sta beneficiando. Faremo il punto della situazione con il mondo imprenditoriale". Bisognerà pero' vedere cosa ne pensano i colleghi di governo del M5s. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento