La Cina sfida Trump: "Pronti all'autosufficienza alimentare"

Pechino risponde alla guerra dei dazi avviata dal presidente Usa minacciando il blocco dell'import di prodotti agricoli statunitensi

La Cina è pronta a bloccare l'import di prodotti agricoli dagli Stati Uniti. E fa sapere al mondo di essere perfettamente in grado di raggiungere "l'autosufficienza alimentare di base in materia di cereali e la sicurezza alimentare assoluta". La risposta di Pechino all'ultima crociata commerciale lanciata dal presidente Usa Donald Trump si gioca prima di tutto sul settore agricolo. 

Secondo il Global Times, tabloid del Quotidiano del Popolo, la voce del governo cinese, Pechino potrebbe rispondere ai dazi di Trumop bloccando "gli acquisti di prodotti agricoli e dell'energia Usa", riducendo "gli ordini di Boeing" e restringendo "il commercio dei servizi con la Cina".

Sul fronte agricolo, Pechino pone all'attenzione globale i dati del "Rapporto 2019 sullo Sviluppo del Settore Agricolo della Cina". Secondo questo rapporto, la Cina non teme più di restare a corto di scorte senza gli approvvigionamenti alimentari dall'estero: il sistema agro-alimentare contribuisce a circa il 23,3% del Prodotto interno lordo (Pil) del Paese asiatico e a circa il 36,07% dell'occupazione cinese. Questo svolge un ruolo stabilizzante nell'economia, come una vera e propria "pietra di zavorra".

Secondo chi ha curato il rapporto, la Cina è pronta a raggiungere "l'autosufficienza alimentare di base in materia di cereali e la sicurezza alimentare assoluta". Il messaggio agli Usa è chiaro: a oggi, Pechino assorbe metà della produzione Usa di soia, mentre grazie agli Stati Uniti la Cina ha finora coperto oltre un terzo del suo fabbisogno.

Il documento analizza anche la nuova situazione e i problemi che affliggono lo sviluppo agricolo della Cina e valuta il possibile impatto degli adeguamenti delle politiche di settore e di quelle del resto del mondo sul comparto cinese legato all'agricoltura. Il 2018 ha segnato il 40esimo anniversario delle riforme agricole in Cina. L'anno scorso le autorità del Paese, scrive l'Ansa, hanno attuato una strategia di rilancio del settore rurale. Secondo il rapporto, il comparto agricolo ha registrato in questo periodo un andamento generalmente positivo e orientato allo sviluppo, con la produzione totale di cereali che ha raggiunto le 658 milioni di tonnellate.

Per contro, la superficie lorda coltivata e la resa totale delle colture di riso, grano e mais sono diminuite nel 2018. Mentre i consumi dell'industria del granoturco hanno registrato una rapida crescita, le importazioni di mais sono cresciute significativamente nell'ultimo anno, con un aumento del 25,2% rispetto al 2017. Secondo il rapporto, l'anno scorso le importazioni di soia sono diminuite per la prima volta in sette anni e il volume annuo delle importazioni è stato pari 88,03 milioni di tonnellate, in calo del 7,9% rispetto all'anno precedente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento