La Brexit spaventa l'export agroalimentare italiano: "No-deal peggior scenario possibile"

L'allarme del Centro studi di Confindustria: "In ballo 23 miliardi di esportazioni". Settori più colpiti quello delle bevande e agrifood. Per l'Italia il Regno Unito è il quarto mercato di sbocco

L'incertezza derivante dalle modalità dell'uscita del Regno Unoto dalla Ue potrebbe avere u impatto immediato sulle imprese esportatrici italiane che rischiano di vedere ridotti i volumi di beni rivolti al mercato britannico: in ballo ci sono circa 23 miliardi di euro. I comparti "Bevande, vini e bevande spiritose" e "Agrifood" sono quelli che potrebbero risentire maggiormente degli effetti negativi. E' quanto emerge da un'analisi del Centro studi Confindustria (Csc).

Secondo il Csc, il Regno Unito attrae circa il 12% dell'export italiano complessivo dal settore "Bevande", pari a 1,1 miliardi di dollari correnti nel 2017. Inoltre, se si applicassero i regolamenti tariffari tra Ue e resto del mondo, "le bevande sarebbero tra i beni sottoposti a barriere tariffarie più elevate (nell'ordine del 19%)". I regolamenti vigenti nel settore, poi, hanno un alto grado di armonizzazione con quelli europei, quindi un eventuale cambiamento di rotta potrebbe ridurre ulteriormente il livello degli scambi.

"No-deal il peggior scenario possibile"

La conferma delle preoccupazione del settore agroalimentare italiano arriva dalle associazione di categoria: "Per l'agricoltura italiana il recesso del Regno Unito senza un accordo è lo scenario peggiore possibile che rallenterà pesantemente il flusso delle nostre esportazioni", dice il presidente della Confagricoltura, Massimiliano Giansanti

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Allo stato dei fatti dal 30 marzo prossimo assisteremo ad un forte rallentamento nel flusso delle esportazioni agroalimentari destinate al mercato britannico", avverte Giansanti, nel ricordare che il Regno Unito per l'Italia è il quarto mercato di sbocco, con vendite annuali nell'ordine di 3,5 miliardi di euro, dove i prodotti a indicazioni geografica e di qualità incidono per il 30% sul totale. Secondo il presidente "va fatto ogni sforzo possibile per scongiurare una situazione che la Commissione Ue ha definito di grande sconvolgimento per i cittadini e le imprese, ma dobbiamo prepararci a tutti gli esiti possibili". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento