Ecco perché i dazi di Trump sull'agroalimentare fanno paura all'Ue

Gli Usa sono la prima destinazione dell'export europeo di alimenti e bevande. E mandiamo Oltreoceano più di quello che importiamo

Per citare il ministro dell'Agricoltura Gianmarco Centinaio, da dazio nasce dazio. E il fatto che Donald Trump abbia fatto inserire una lunga lista di prodotti agroalimentari Ue nella lista di beni importati soggetti a tariffa, tanto più nel pieno di un braccio di ferro con Bruxelles sull'apertura del mercato europeo alla carne statunitense, fa temere che la situazione per l'export del settore possa peggiorare. 

Gli ultimi dati dell'Eurostat, del resto, certificano la "dipendenza" di alimenti e bevande made in Ue dagli Usa: gli States, infatti, sono la principale destinazione dell'export agroalimentare Ue al mondo, con una quota del 16%. Lo studio dell'ufficio statistico segnala nel particolare che l'export dell'Ue è in crescita dal 2009, con le esportazioni più forti delle importazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'analisi effettuata emerge inoltre che l'Ue era tradizionalmente un importatore netto, ma ha registrato un'eccedenza commerciale dal 2012. La speciale classifica sull'export dei prodotti alimentari e delle bevande mette al secondo posto la Cina (8%), Svizzera (6%) e Giappone (5%), Russia 4%. I rimanenti Paesi coprono una quota di mercato del 57%. Sul fronte delle importazioni i due maggiori fornitori sono invece il Brasile e gli Stati Uniti, ciascuno con una quota dell'8%. Seguono poi la Cina con il 5%, Argentina con il 5% e la Turchia con il 4%. La fetta di mercato sulle importazioni di prodotti commerciali è del 64% per i rimanenti Paesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento