Il prodotto italiano più esportato nel mondo? Il vino

Da solo nel mondo vale 6,2 miliardi di euro, quasi l'1,5% del Pil. Ma negli ultimi dieci anni a crescere maggiormente è stato l'export di agrumi e formaggi

Da solo nel mondo vale 6,2 miliardi di euro, quasi l'1,5% del Pil. E' ancora una volta il vino in testa alla classifica dei prodotti made in Italy più esportati, con del 56,9% negli ultimi dieci anni. E' quanto emerge dal rapporto "Il Valore della filiera italiana del cibo" di Coldiretti e Filiera Italia presentato al Forum di Tuttofood a Milano.

Il rapporto mette in evidenza il boom fatto registrare dalle esportazioni agroalimentari italiane tra il 2008 e il 2018, passate da 23,6 miliardi a 41,8 miliardi di euro, con un aumento record del 47,8% (contro il +16,5% del totale dell'economia). Crescita peraltro che continua, perché nel gennaio 2019, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente il valore delle esportazioni della filiera è pari a 3,1 miliardi, +3,6% rispetto al gennaio del 2018, mentre il totale economia fa +2,2%.

Come dicevamo, il re dell'export made in Italy è il vino. Ma ci sono prodotti che hanno fatto registrare aumenti maggiori ome gli agrumi (+89,5%), latte e formaggi (+82,3%), carni e salumi (+70,2%). Sul fronte delle regioni, spicca il +114,2% del Molise, ma la crescita delle esportazioni riguarda tutto il Paese: le regioni del Nord segnano +50,7% (Piemonte +51,9%, Veneto +68,5%), quelle del Centro +49,6% (Emilia Romagna +50,8%, Umbria + 68,1%, Lazio + 51,7%), ed il Meridione +35,6% (Sicilia +46,3%, Calabria +40,2%, Puglia +36,9%).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I principali Paesi di destinazione dei prodotti italiani sono la Germania (6,9 miliardi di euro, +25,6% dal 2008), la Francia (4,7 miliardi di euro, +44,4%), gli Stati Uniti (4,1 miliardi di euro, +73,9%), il Regno Unito (3,4 miliardi di euro, +30,2%), la Spagna (1,6 miliardi di euro, +32,7%), la Svizzera (1,5 miliardi di euro, +28,1%). Gli Usa sono, il terzo Paese più importante per l'Italia come destinazione delle esportazioni agroalimentari ma, sono soprattutto il mercato dove si è verificato l'aumento maggiore. Un risultato sul quale pesa ora la minaccia dei dazi annunciati dal presidente Donald Trump. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tabacco fa bene alla salute, lo dicono gli scienziati (italiani)

  • Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento