Coronavirus, in Belgio permessa anche la passeggiata a cavallo “per il benessere animale”

Le cavalcate non potranno però avvenire in gruppi, ma al massimo due persone alla volta

Foto Ansa EPA/CHRISTIAN BRUNA

Non solo gli uomini, ma anche i cavalli hanno bisogno di una passeggiata all'aria aperta, anche adesso che le città di quasi tutto il mondo sono in lockdown a causa del coronavirus. Lo ha stabilito il Belgio il cui Consiglio nazionale di sicurezza ha dato il via libera all’uscita dei cavalli dalle stalle “per il benessere dell’animale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le passeggiate in cavallo si possono però fare soltanto massimo in due e non in gruppo. "Limitare le uscite di un cavallo, specialmente uno da corsa che si allena regolarmente, può danneggiare il suo benessere. Si annoia, finisce per mangiare di più e può sviluppare coliche, che possono essere fatali", ha dichiarato il deputato del partito federalista e indipendente, DéFi, Jonathan de Patoul, che è anche veterinario. Prima di questo intervento ai cavalli erano permesso solo fare un giro nella pista, in caso fosse presente vicino la stalla, o arrivare lasciati liberi sulla pista del proprietario o al massimo trasportarlo, con un rimorchio, fino al maneggio più vicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • "Sfruttamento dei lavoratori e sostanze inquinanti nelle coltivazioni di ananas 'etici e sostenibili'"

  • Start-up agricole, Usa e India ancora leader. Europa costretta a inseguire

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

  • Solo il 48% dei fiumi e il 20% dei laghi italiani è in uno stato ecologico buono

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento