Pesca, M5s: "No a giochetti politici sulla pelle dei pescatori italiani"

L'eurodeputata 5 stelle D'Amato contro la prima bozza del piano pluriennale Ue per le attività a strascico nel Mediterraneo occidentale

"No alla proposta di Socialisti e Verdi del Parlamento Ue sul piano pluriennale per la pesca di specie demersali nel Mediterraneo occidentale". Lo dice l'eurodeputata del Movimento 5 stelle, Rosa D'Amato, in merito alla proposta avanzata dalla relatrice del piano per la pesca a strascico nel Mediterraneo occidentale, la spagnola Clara Aguilera Garcia.

"Si tratta di un piano che ci riguarda da vicino, visto che i Paesi interessati sono Italia, Francia e Spagna - spiega D'Amato - Negli scorsi giorni, abbiamo assistito al tentativo di forzare le procedure per aggirare il voto della plenaria del Parlamento e portare direttamente ai negoziati con Commissione e Stati membri un testo che infliggerebbe un duro colpo ai nostri pescatori. Non lo diciamo solo noi, ma tutte le organizzazioni di pescatori e i governi interessati".

I limiti del testo presentato dalla relatrice, la socialista Aguilera Garcia e sostenuto dai Verdi, "sono tanti - attacca D'Amato - dalle quote annuali alla riduzione 'in modo sostanziale' degli sforzi di pesca, dai cavilli burocratici che non tengono conto delle specificità regionali fino alla mancanza di un chiaro sostegno del Feamp per gli arresti temporanei. Contro tutto questo, il Movimento 5 stelle sta dando battaglia in Parlamento e sono sicura che il fronte dei contrari è vasto. Sono contenta, pertanto, che la relatrice sia tornata sui suoi passi e abbia evitato di imprimere una accelerazione al testo che avrebbe di fatto escluso il Parlamento, ossia l’unica istituzione europea eletta dai cittadini, dal dire la sua. Forse le pressioni che ho fatto in questi giorni a Bruxelles hanno sortito un risultato: la pesca e i pescatori del Mediterraneo meritano rispetto", conclude.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Filiera

    Greenpeace: gli allevamenti intensivi un pericolo per i fiumi europei

  • Giovani

    Copagri: in agricoltura senza redditività non c'è dignità

  • Filiera

    Confagricoltura: la peste suina mette a rischio il comparto

  • Innovazione

    Come migliorare la catena alimentare? Con i microbi

I più letti della settimana

  • Piante "aliene" a rischio: l'Ue blocca l'import di 39 impianti

  • "Concimi più rispettosi dell'ambiente". Da Stati Ue ok a nuove norme

  • L'Ue mette un limite alla quantità di grassi trans negli alimenti

  • Etichette e indicazioni geografiche, l'Ue protegge i "suoi" superalcolici

  • Commissione: “Fondi europei riducono la povertà nelle zone rurali”

  • Manovra: “Abbattute del 40% le accise birra per le imprese artigianali”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento