La Svizzera alle urne per salvare le corna delle mucche

Referendum nella Confederazione per decidere se assegnare sovvenzioni extra agli allevatori che scelgono di non tagliarle

La Svizzera è solita tenere referendum per prendere decisioni chiamando a raccolta l'intera popolazione. Ma questa volta se ne svolgerà uno davvero particolare, quello per salvare le corna delle mucche. Sì perché gli elettori della Confederazione elvetica dovranno in effetti pronunciarsi sull'iniziativa popolare "per la dignità degli animali da reddito agricolo" che, se vittoriosa, prevede l'assegnazione di sovvenzioni extra agli allevatori che rifiuteranno di tagliare le corna al bestiame. Tutto è partito da un animalista, Armin Capaul, che vive con la famiglia e le sue vacche in una piccola valle vicino a Moutier.

"Parlo sempre con le mie mucche nella stalla", ha raccontato all'Afp. "Mi hanno chiesto se potevo fare qualcosa per aiutarle a tenersi le corna e mi sono detto che avevano ragione, che in una maniera o in un'altra, qualcuno doveva fare qualcosa". La sua crociata comincia nel 2010 quando suggerisce via email ai funzionari dell'Ufficio federale per l'agricoltura di iscrivere la preservazione delle corna nel programma per il benessere del bestiame. "Mi hanno riso in faccia", ricorda. Dopo nuovo lettere rimaste senza risposta ai due rami del Parlamento svizzero, decide di lanciare una "iniziativa" per raccogliere almeno 100mila firme in 18 mesi come prescrive la legge elvetica sulla democrazia diretta. Armin Capaul è riuscito nell'intento raccogliendo 119.626 firme e raggiungendo i requisiti per organizzare un referendum. "Le corna fanno parte della mucca, non abbiamo nessun diritto di modificare l'aspetto fisico di questi animali", sostiene l'animalista. E se la sua iniziativa chiede sovvenzioni per gli agricoltori, è per "adattare le stalle alle mucche" e non il contrario, con l'obiettivo di garantire la loro sicurezza e quella dell'allevatore.

"In Svizzera, il 10% delle mucche ha ancora le corna e sono queste che intendo salvare". Il governo svizzero si è pronunciato contro l'iniziativa affermando che "non esiste nessuno studio che afferma che le mucche senza corna sono meno felici" e quindi "allevare animali con le corna è una decisione imprenditoriale che dipende unicamente dagli agricoltori", afferma mentre la principale organizzazione agricola del Paese, l'Unione contadina svizzera, ha "deciso di lasciare libertà di voto". Secondo gli ultimi sondaggi di metà novembre, gli svizzeri sono indecisi. Stando ad una inchiesta del gruppo di media svizzero Tamedia, il referendum sarebbe perdente al 52% (contro il 45% per il si), mentre per l'istituto gfs.bern, si e no sarebbero testa a testa.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sviluppo

    Il paradosso del cibo: triplicano i bambini obesi, ma crescono anche quelli denutriti

  • Ambiente&Clima

    Desertificazione, Corte dei conti accusa: "Grave rischio, ma l'Ue non ha una strategia"

  • Sviluppo

    Manovra, "con intesa Ue-Italia scongiurato stop a 5 miliardi per agricoltura"

  • Sviluppo

    Agricoltura, redditi in calo in tutta Europa

I più letti della settimana

  • Confagricoltura: la peste suina mette a rischio il comparto

  • Copagri: in agricoltura senza redditività non c'è dignità

  • Pesca, braccio di ferro Ue-Italia: "Rischio stop 8 milioni di indennizzi per il fermo 2018"

  • Petizione contro la crudeltà nei macelli, firmano in 120mila

  • L'Ue mette un limite alla quantità di grassi trans negli alimenti

  • "Concimi più rispettosi dell'ambiente". Da Stati Ue ok a nuove norme

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento