Solo il 48% dei fiumi e il 20% dei laghi italiani è in uno stato ecologico buono

Secondo i dati dell'Ispra il nostro è uno dei Paesi europei più ricchi di biodiversità ma inquinamento e specie aliene sono una grave minaccia per flora e fauna

La natura in Italia non gode di ottima salute, soprattutto i suoi fiumi e ruscelli. Secondo l'Annuario dei dati ambientali 2019 dell'Ispra, il centro studi del Ministero dell'Ambiente, neanche la metà dei 7.493 corsi d'acqua italiani raggiunge uno "stato ecologico buono o elevato": appena il 43%. Ancora più grave lo stato dei laghi: solo il 20%. Va meglio la situazione se si analizza però lo stato chimico: è buono per il 75% dei fiumi (anche se il 18% non è ancora classificato), e per il 48% dei laghi.

Pericoli per flora e fauna

Il rapporto sottolinea anche i pericoli che arrivano dall'inquinamento e dalle specie aliene per flora e fauna. Secondo lo studio sono i pesci d'acqua dolce i vertebrati più minacciati in Italia (48% delle specie), seguiti dagli anfibi (36%) e dai mammiferi (23%). Tra le piante più tutelate dalle norme Ue, il 42% è a rischio. Le minacce più gravi vengono dal costante aumento delle specie esotiche introdotte nel nostro Paese - più di 3.300 nell'ultimo secolo - dal degrado, dall'inquinamento e dalla frammentazione del territorio. Con le sue 60 mila specie animali e 12 mila vegetali, l'Italia è uno dei Paesi europei più ricchi di biodiversità e con livelli elevatissimi di endemismo (specie esclusive del nostro territorio). Un patrimonio che vede alti livelli di minaccia per flora e fauna, sottolinea l'Ispra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argini al degrado

Forte argine al degrado sono la Rete Natura 2000 e il Sistema delle aree protette italiane, ribadisce l'Annuario: quelle terrestri sono 843 e coprono il 10,5% del territorio nazionale, 29 le aree marine protette, 2.613 i siti della Rete Natura 2000 (19,3% del territorio nazionale).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento